Home News Fitbit consente il monitoraggio dell’ossigeno nel sangue

Fitbit consente il monitoraggio dell’ossigeno nel sangue

Fitbit sta apportando delle novità interessanti ai suoi apparecchi e tra queste ce n'è una da tenere in considerazione se siamo interessati alla nostra salute.

I dispositivi Fitbit degli ultimi anni hanno hardware di monitoraggio dell’ossigeno nel sangue (SpO2), ma non l’hanno usato – fino ad ora. Gli utenti su Reddit e altrove hanno notato che i loro dispositivi Versa , Ionic e Charge 3 forniscono improvvisamente (anche se a volte temporaneamente) dati sull’ossigeno nel sangue per aiutare a tenere traccia di problemi di salute come l’asma, le malattie cardiache e l’apnea notturna. Non è chiaro chi ottenga i primi dibs, ma non è dettato dal tipo di dispositivo o dalle iscrizioni al servizio Premium.

 

Fitbit: una funzione importante che potrebbe essere davvero di rilievo

Fitbit ha confermato il lancio di questa funzione ufficialmente. I dispositivi utilizzano una combinazione di sensori rossi e infrarossi per determinare la variazione di ossigeno, sebbene la società abbia avvertito che non si trattava di una cifra relativa ma una cifra che potrebbe essere più precisa di quanto ci possiamo aspettare. Non dovresti vedere grandi variazioni nel tuo sonno se sei in salute e senza alcun particolare problema, ha detto la compagnia.

Questa novità sta arrivando al momento giusto per Fitbit. Sebbene i sensori Spo2 non siano nuovi nei dispositivi indossabili, l’adozione si sta diffondendo. 

Withings ScanWatch (vincitore di un premio al CES) considera il monitoraggio dell’ossigeno nel sangue come una caratteristica centrale del prodotto e non una caratteristica di contorno. L’acquisizione di Fitbit da parte di Google potrebbe cambiare il modo in cui vedi la tecnologia dopo questo. È bello avere un aggeggio del genere ora se sei interessato a raccogliere più approfondimenti sulla tua salute.