Internet satellitare

Sebbene sulle connessioni di rete fissa siamo abituati a ragionare solo tra fibra ottica e ADSL, per accedere al web si può anche valutare l’opzione dell’Internet satellitare. Un sistema che permette di realizzare connessioni di rete stabili e altrettanto veloci soprattutto in aree del nostro Paese dove fatica ad arrivare la copertura di TIM, Wind Tre e Vodafone.

Questa tecnologia aiuta molte zone d’Italia ad uscire dall’annosa questione del digital divide, laddove prima di internet satellitare dovevano fare i conti con l’impossibilità di avere una connessione di rete ad alta velocità a casa. Per averla, però, dobbiamo capire insieme di cosa abbiamo bisogno. 

Internet satellitare batte le reti di Tim, Wind, Tre e Vodafone

Una rete satellitare si connette al web sfruttando sistemi wireless che prevedono l’installazione di una specifica infrastruttura domestica. Il segnale emesso dal satellitare viene trasmesso ad una stazione terrestre a cui il vostro PC si collega in wireless, appunto.

Leggi anche:  Telefonia mobile: TIM, Wind Tre e Vodafone limitano le velocità del 4.5G

La fornitura di questi dispositivi per realizzare l’impianto è di solito a carico dell’operatore con cui si va ad attivare la nuova offerta, il quale garantirà anche l’installazione professionale e la messa a punto della connessione stessa.

Similmente a quanto avviene per una TV satellitare, una connessione internet di questo tipo necessita di una parabola a cui verrà collegato un modem che farà da hub per tutti gli altri device di casa. Dunque, a livello pratico, non ci sono sostanziali differenze rispetto ad una connessione in fibra ottica o ADSL.

La parabola prende e riceve il segnale dalla stazione terrestre, che elabora altresì quello proveniente dal satellite. Tale infrastruttura a terra si chiama NOC (Network Operations Center) e funziona da tramite con il segnale del satellite, favorendo di fatto l’accesso a internet in tutti i luoghi in cui non è possibile realizzare una connessione di rete standard.