Le criptovalute sui mercati finanziari sono le vere protagoniste degli ultimi anni, poiché le loro fluttuazioni da otto volante hanno reso ricchi e altrettanto poveri moltissimi investitori sulle borse internazionali. Ad esempio i nuovi rialzi di Bitcoin, Ethereum e altre monete digitali, trainate in precedenza dalla progressiva risalita della più famosa moneta virtuale a oltre 10 mila dollari nei primi di agosto, sono presto scesi verso quotazioni sotto la soglia di guadagno.

In particolare i movimenti di Ethereum, ovvero più importante della seconda criptovaluta per capitalizzazione con un valore che oscilla attorno ai 169 dollari, hanno avuto un timido rialzo a seguito di contrazioni importanti a fine agosto. Tuttavia il valore attuale non è minimamente paragonabile alla quotazione di giugno in cui toccò i 350 dollari USA. Ethereum presto però potrebbe tornare a salire, poiché Brave, il popolare browser basato su tecnologia blockchain, ha annunciato lo sviluppo di un nuovo wallet fortemente orientato al cliente su questa valuta digitale.

Bitcoin e ethereum: le novità sulle altre criptovalute

A fine agosto, dei ribassi in tutto il comparto delle criptovalute ci sono stati, viste le pessime prestazioni di XRP con una svalutazione del 5,62%, insieme a Tron (TRX) con il 12,31%, Algorand (ALGO) con il 16,39% e Binance Coin (BNB) con il 12,36%.

Leggi anche:  Libra: le banche centrali mettono alla prova Facebook

Ricordiamo che la capitalizzazione complessiva di tutte le criptovalute nel mondo si può valutare attorno ai 246 miliardi di dollari, con Bitcoin copre attualmente il 69,1% del mercato. Resta da vedere come recepiranno le borse mondiali l’immissione sul mercato delle monete virtuali di Facebook e Telegram: che siano protagoniste di una nuova spinta al comparto affinché si torni ai fasti del 2018?