Gli operatori telefonici dei call center si trovano quotidianamente a lavoro per promuovere le iniziative commerciali di Tim, Vodafone, Wind e 3. A tale proposito bisogna aprire bene gli occhi, perchè dietro a queste semplici chiamate telefoniche possono nascondersi delle vere e proprie truffe a discapito degli utenti.

A qualsiasi ora del giorno possiamo essere contattati dai vari operatori telefonici, e quasi sempre riceviamo la chiamata quando siamo già impegnati con un’altra faccenda, ad esempio lavoro, studio o hobby. In questo modo, i malintenzionati che si trovano dall’altra parte del telefono, possono sfruttare la distrazione dell’utente contattato per fargli attivare un nuovo abbonamento mai richiesto.

 

Non rispondere mai SI

Con tali affermazioni non stiamo dicendo che tutti gli operatori call center lavorano per questo obiettivo, ma il nostro è un avvertimento a tutti gli utenti che ricevono chiamate di questo tipo.

I malintenzionati che vogliono colpire gli utenti, in primis devono entrare in confidenza durante la telefonata con l’interlocutore. Per far si che ciò accada, i truffatori iniziano la conversazione telefonica esponendo qualche domanda al cliente Tim, Vodafone, Wind o 3 Italia. A primo impatto tali domande sembrano banali ma in realtà sono la trappola per convincere l’utente a svolgere l’attivazione. Possono chiedere ad esempio la conferma del proprio nome o di chi è intestatario del contratto telefonico già attivo. Domande di questo genere se vengono esposte a dei clienti distratti saranno a tutti gli effetti fatali.

Leggi anche:  PostePay: i Conti Correnti di Poste Italiane sono sotto attacco

Coloro che in modo incosciamente risponderanno ‘Si’ ad una delle domande dell’operatore call center, subiranno l’attivazione di un nuovo abbonamento telefonico mai richiesto, quindi di una truffa telefonica che servirà a sottrarre un ulteriore denaro ai clienti.

Quello che vi possiamo dire è di non rispondere mai ‘Si’ a qualsiasi domanda che vi venga fatta da qualunque operatore call center.