facebook youtube whatsapp

Una puntuale analisi di Blogmeter sull’utilizzo dei social network in Italia conferma che Facebook, Whatsapp e Youtube sono le piattaforme di maggior successo in rete. I dati raccolti per arrivare a questa affermazione poggiano sul fatto che i social che privilegiano la comunicazione visuale per mezzo di immagini siano i preferiti dagli Italiani.

I  particolare, le Stories di Facebook e Instagram, o gli Stati di Whatsapp stanno soppiantando i post scritti e vengono anche ritenuti come contenuti più genuini. Pertanto, Mark Zuckerberg ha di che festeggiare quando rivolge lo sguardo all’Italia. Da noi Facebook viene usato nel 91 per cento del campione di Blogmeter, un terzo del quale ha almeno sette account social, e ci si intrattiene più volte al giorno l’82 per cento.

Come spiega il CEO di Blogmeter Stracuzzi:I giovani preferiscono Instagram, ma non stiamo registrando un tasso di abbandono rilevante, come accade per Twitter, passato dal 55 al 53 per cento e in calo dallo scorso anno”.

 

Whatsapp insieme a Facebook e YouTube sono i social più usati

Al pari di un quotidiano online, Facebook rimane la meta principale per la ricerca d’informazioni, per condividere momenti con gli altri e leggere delle recensioni. Youtube, mantiene la seconda piazza per la capacità di offrire svago, una ricerca di stimoli e idee e anche informazioni. Infine, nella messaggistica, Whatsapp non ha rivali che possano impensierire i suoi numeri in Italia, con curve di crescita ottime per Telegram ma pur sempre lontane da Whatsapp.

Leggi anche:  WhatsApp saluta migliaia di utenti: nessuno vorrebbe mai questo aggiornamento

Dallo studio emergono inoltre risposte ad altre domande fondamentali, come ad esempio il perché stiamo sui social media? E la risposta, seppure scontata, è la curiosità. Quando si tratta di ficcare il naso nei contenuti altrui siamo insaziabili, tanto che solo il 12% degli intervistati utilizza Facebook o Instagram con lo scopo di scrivere post originali.

Un pubblico  consistente di utenti che preferisce seguire gli altri, a fronte di una ristretta cerchia di audience attiva che fa informazione e genera opinione.