WhatsApp: multa da 200 euro per gli utenti TIM, Iliad, Wind e Vodafone

WhatsApp guarda sempre all’orizzonte lontano. In vista dei prossimi mesi gli sviluppatori hanno in serbo delle novità rilevanti, novità che abbiamo già in parte presentato attraverso alcuni approfondimenti nelle scorse settimane. Tante funzioni in arrivo saranno ben accolte dal pubblico, ma altre potrebbero essere poco gradite.

 

WhatsApp, ora è ufficiale: le pubblicità arrivano nel 2020

Rispetto a quelli che erano i rumors sull’arrivo delle pubblicità su WhatsApp. arrivano nuove conferme. Ebbene sì, presto anche l’ultimo baluardo di internet cadrà e sulla chat di messaggistica arriveranno gli annunci commerciali. La buona notizia però è che il roll out delle ads è previsto solo a partire dal 2020.

Stando alle indiscrezioni emerse da fonti interne della chat, tutte le anticipazioni del passato saranno confermate. Le inserzioni di WhatsApp non caratterizzeranno tutte le sezioni della chat, ma solo la parte relativa alle “Storie”. Una simile dinamica, come ovvio, ricorda molto da vicino le regole di Instagram: dopo la visualizzazione di un determinato numero di storie, scatterà la storia collegata ad una pubblicità.

Per quanto concerne le conversazioni, queste non saranno interessate dalla novità. Le discussioni quotidiane con amici e contatti della rubrica quindi resteranno esenti da annunci di vario genere.

Al netto delle possibili contestazioni, per WhatsApp la scelta delle pubblicità si rivela quasi obbligatorie. In vista di un ritorno monetario, gli sviluppatori hanno privilegiato tale strada rispetto a quella – anch’essa poco gradita – dei profili a pagamento.