IPTV: niente più abbonamenti pirata per gli utenti TIM, Vodafone, Wind e Fastweb

L’IPTV rappresenta la strada maestra per quelle persone che desiderano lo streaming tv illegale. Chi non vuole spendere un abbonamento mensile, ma allo stesso tempo non vuole rinunciare ai contenuti di Sky, DAZN e Netflix, si affida a questa tecnologia discutibile.

L’IPTV è famoso in ogni angolo della nazione. Dove più dove meno, i malintenzionati che si nascondono dietro questo sistema sfruttano al loro vantaggio il fatto dei prezzi. Un piano mensile ha un costo medio di 10 euro: un bel risparmio quindi rispetto ai listini originali di Sky, DAZN e Netflix.

 

L’IPTV fa il suo esordio su WhatsApp, ma restano alti i rischi per gli utenti

L’IPTV ha tratto grande vantaggio da Telegram. Da poche settimane, però, i malintenzionati si sono spostati anche su WhatsApp. Stanno nascendo in queste ultimi giorni molti gruppi privati in cui viene pubblicizzato il business illecito. Tante persone abboccano alla tentazione.

Leggi anche:  IPTV arriva anche su WhatsApp ma ci sono 3 rischi e truffe per gli utenti

Se i vantaggi riguardano il fattore economico, ci sono da considerare anche quelli che sono i potenziali rischi. A fronte di un pagamento quasi nullo, la visione non legale dei contenuti di Sky, DAZN e Netflix rappresenta una vera e propria violazione della legge.

Di norma chi si avvale dell’IPTV rischia sino a 30mila euro di multa. Peggiore è poi lo scenario di chi porta il segnale nelle case degli italiani: le attuali disposizioni prevedono il carcere da minimo di un anno ad un massimo di tre anni.