difendersi dalle truffeTutti abbiamo ricevuto almeno una volta un tentativo di phishing o smishing che ha mirato ai nostri dati e, quindi, ai nostri risparmi. I due termini potrebbero apparire complessi e improbabili ma definiscono semplicemente quelle email e quegli SMS che nascondono tentativi di frode online. Truffe che arrivano come false notifiche da parte soprattutto di Poste Italiane e che si rivolgono quindi ai titolari di carte PostePay. Comunicano loro false informazioni e, successivamente, chiedono di aggiornare i dati del loro account così da ricevere le credenziali e poter prosciugare le carte.

Tentativi di frode di questo tipo sono ormai frequenti ma tutti possono facilmente difendersi dalle truffe ed evitarle!

Truffe PostePay: ecco alcuni consigli che permettono di difendersi dalle truffe online!

Difendersi dai tentativi di frode online non richiede particolari conoscenze ma è necessario sapere come agiscono i cyber-criminali e quali sono i passaggi da evitare e ignorare. E’ quindi fondamentale ricordare che le email o gli SMS che richiedono di aggiornare i dati del proprio conto possono nascondere tentativi di frode poiché nessuna azienda o istituto bancario è solito procedere così. Il link al quale si è invitati ad accedere, inoltre, è l’URL di un sito clone di quello ufficiale che riuscirà a catturare tutti i dati inseriti. Anche i file allegati possono consentire ai criminali di raggiungere il loro scopo. Dunque, non scaricare file, non cliccare su alcun link e non fornire le proprie credenziali sono i passaggi necessari e sufficienti al fine di proteggersi. 

I clienti di Poste Italiane, infatti, vengono spesso informati dalla stessa azienda riguardo la possibilità di ricevere messaggi fraudolenti. Poste Italiane, inoltre, chiarisce di non essere solita chiedere l’aggiornamento dei dati online ai suoi clienti.