PostePay e BNLGli hacker hanno reso ormai virali le loro email phishing contattando i clienti di aziende come Poste Italiane e istituti bancari per svuotare i loro conti. Le segnalazioni da parte della Polizia Postale, infatti, sono frequenti e riguardano spesso email ed SMS che, con tono intimidatorio, richiedono di fornire informazioni sensibili.

Nelle ultime settimane i tentativi di frode online si sono rivolti a diversi utenti, dai titolari di carte PostePay ai clienti BNL. In ogni caso lo scopo era quello di ingannare le vittime psicologicamente al punto da convincerle a inserire i loro dati online. Il phishing, infatti, mira ai dati per poter accedere ai conti online degli utenti così da avere la possibilità di prosciugarli. E’ fondamentale conoscere le azioni svolte dai malfattori per evitare di ritrovare la propria carta vuota e i risparmi persi.

Truffe online: come sfuggire al phishing che tenta di trafugare i dati e svuotare i conti!

Tutti possono facilmente evitare i tentativi di frode che circolano online, ricordare alcuni accorgimenti e, soprattutto, conoscere il procedimento utilizzato dai malfattori per compiere l’inganno permette infatti di proteggere i propri risparmi.

Leggi anche:  PostePay: l'ultima truffa può svuotare le carte tramite una semplice mail

Il phishing arriva tramite email che i cyber-criminali spacciano per comunicazioni rivolte ai clienti di aziende e istituti bancari. Comunicazioni che mirano a preoccupare il cliente, come nel caso della PostePay bloccata, o lo incuriosiscono come il finto bonifico da parte di BNL. Gli espedienti hanno comunque l’obiettivo di persuadere l’utente ed invitarlo ad accedere ad una pagina il cui link è presente all’interno del messaggio. Effettuato tale passaggio, la vittima è invitata a procedere con l’aggiornamento dei suoi dati di accesso al conto. Arrivati a ciò sarà impossibile tornare indietro poiché tutte le informazioni necessarie saranno spedite ai malfattori tramite il sito clone.

Conoscere i seguenti dettagli, dunque, si rivela utile al fine di prevenire la truffa poiché l’eliminazione del messaggio sarà sufficiente per stroncarla e renderla innocua.