postepay truffeLe truffe online sono ormai all’ordine del giorno, il fenomeno ha raggiunto un’intensità quasi ingestibile per gli utenti costretti a prestare la massima attenzione. Stroncarle, fortunatamente, richiede soltanto alcune conoscenze ma è comunque fondamentale saper riconoscere gli inganni e ricordare quali dettagli li caratterizzano.

Truffe online: le email fraudolente più frequenti sono due, l’attenzione è fondamentale!

Tra i vari tentativi di frode, i più frequenti si nascondono dietro due email phishing. Lo scopo dei cyber-criminali è comunque quello di incuriosire o intimorire la vittima al punto da invogliarla a fornire i suoi dati personali relativi alla carta o al conto corrente.

Spesso, infatti, le mail riguardano problemi, del tutto fittizi, riscontrati alla carta e avvisano appunto l’utente di aver ricevuto un blocco o una sospensione momentanea che necessita l’aggiornamento delle credenziali. La vittima, così, preoccupata per la probabile perdita dei suoi risparmi, procederà con l’inserimento dei dati, seguendo quanto suggerito dai malfattori. In altri casi, invece, l’email incuriosisce l’utente invitandolo al rinnovo dei dati di accesso al conto così da avere la possibilità di riscuotere premi e bonifici. Ad ogni modo, l’obiettivo è quello di invitare i titolari delle carte a cliccare sul link che darà accesso ad una pagina clonata. I dati lì inseriti verranno spediti agli hacker che, con un semplice clic, potranno truffare l’utente.

Leggi anche:  PostePay: il rischio truffa continua ad essere alto, le ultime mail svuotano i conti

Nulla di quanto comunicato da tali messaggi è affidabile. Il phishing sfrutta l’inganno psicologico della vittima utilizzando perlopiù tali espedienti. I malfattori, inoltre, utilizzano nomi di istituti bancari e aziende così da mascherare la truffa.

Seguire quanto consigliato dalla Polizia Postale permette comunque di sfuggire agli inganni che è possibile riscontrare online. E’ utile, inoltre, ricordare che nessun istituto bancario, né Poste Italiane, è solito chiedere ai clienti l’aggiornamento dei dati tramite email o SMS.