IPTV: tutte le piattaforme incluse nell'abbonamento, prezzo e rischi incredibili

Parlando di IPTV non possiamo non finire sulla questione che ormai vede tantissime persone abbonate al servizio. Infatti da sempre sappiamo che tutti puntano al risparmio, anche cadendo spesso in quella che chiamiamo illegalità.

Questo servizio infatti, nonostante porti tanti vantaggi, è anche fortemente fuorilegge, dato che esistono delle organizzazioni in grado di portare il tutto avanti. Queste raccolgono, mediante decoder regolarmente abbonati, il segnale e lo smistano via internet su più dispositivi. In questo modo massimizzano le entrate e rendono felici tutti coloro che alla fine pagano poco quanto niente. Ma parlando proprio di questo, quali sono i prezzi? E soprattutto quali sono i rischi?

 

IPTV: prezzi e rischi di un servizio che ormai cresce sempre di più in Italia

Abbiamo avuto modo di constatare da vicino come funzioni un’IPTV perfettamente sviluppata e di certo non possiamo non dire la verità. Il servizio è fantastico e chi ha una rete internet performante – dai 15 mega in su – può sicuramente ottenere il massimo.

Leggi anche:  IPTV: quello che è successo dopo il servizio de Le Iene ha dell'incredibile

C’è solo un problema, il quale in realtà non è neanche tanto piccolo: tutto ciò è fortemente illegale. Infatti da tempo sono state avviate vere e proprie task force per sgominare le bande che diffondono il segnale. Gli utenti che utilizzano il servizio ci hanno riferito che tutto ciò costa solo 10 euro al mese in genere, con oltre 15 mila canali disponibili tra le varie piattaforme più famose.

Ovviamente tutto ciò è conveniente dato che il tutto in maniera legale costerebbe oltre 400 euro mensili. Noi vi consigliamo di evitare, visto che alcuni utenti hanno ricevuto anche delle multe.