Facebook
Dopo lo scandalo Cambridge-Analytica, arrivano nuove accuse nei confronti del noto social network. A quanto pare, Facebook, avrebbe stipulato degli accordi con diversi istituti finanziari americani al fine di ottenere i dati sensibili degli utenti e sfruttarli per diversi scopi, tra i quali la pubblicità. Una notizia che non lascerà indifferenti gli utenti, già perplessi in seguito agli scandali dei mesi scorsi. Per il Social si tratta dell’ennesima notizia scomoda che potrebbe causare un’ulteriore declino, e non solo.

Facebook: accordi con banche americane per utilizzare i dati degli utenti!

La notizia arriva dal noto giornale americano Wall Street Journal, secondo il quale, Facebook avrebbe collaborato con diverse banche americane per ottenere i dati sensibili degli utenti. A tal proposito il Social avrebbe sfruttato Messenger, la sua app dedicata alla messaggistica istantanea. Non sono poche, infatti, le società che sfruttano l’App per gestire il Servizio Clienti o i pagamenti online.

Leggi anche:  Facebook segreto: ecco 5 aneddoti che ancora non conosci

Il Social ha smentito. La sua portavoce, Elisabeth Diana, ha dichiarato che lo scopo della collaborazione con gli istituti finanziari si limita al miglioramento della qualità delle “esperienze commerciali”.

Un’eventuale conferma di quanto supposto dal Wall Street Journal potrebbe creare problemi decisamente rilevanti alla piattaforma. Facebook dovrà impegnarsi al fine di rinsaldare un rapporto di fiducia, che è stato più volte intaccato, con i suoi utenti. In seguito agli scandali precedenti aveva tentato di migliorare la sua piattaforma nella speranza di incuriosire gli utenti perduti. Questa volta, però, aggiornamenti e iniziative apparentemente entusiasmanti potrebbero non bastare ai suoi iscritti che sembra ormai prediligano Instagram.