Facebook in CinaFacebook ha appena annunciato i suoi guadagni per il secondo trimestre del 2018. Ha battuto le aspettative degli analisti su Earnings per Share, affermandosi a 1,74 rispetto alle aspettative. Tuttavia, ha generato 13,23 miliardi di entrate contro i 13,36 miliardi previsti.

Inoltre, gli utenti attivi giornalieri globali sono 1,47 miliardi contro 1,49 miliardi previsti. Ciò è probabilmente dovuto al grande scandalo di Cambridge Analytica che ha afflitto Facebook durante il trimestre. In tale periodo, “pagamenti e altre commissioni” rispecchiano un valore di circa 193 milioni. I costi e le spese totali sono ammontate a 7,3 miliardi di dollari, ovvero circa il 50% in più rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Anche il margine operativo è diminuito rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, intorno al 44%. Come già accennato, l’EPS è stato di 1,74 dollari per il trimestre, che è il più alto numero che Facebook che abbia mai avuto. Trattasi anche di un grande balzo da 1,32 EPS dello stesso periodo di un anno fa.

Facebook ha guadagnato circa 13 miliardi di dollari, ottimi risultati, ma non quelli che ci si aspettava

Altri numeri includono utenti attivi mensili, che erano 2,23 miliardi e c’è stato un aumento dell’11 per cento anno su anno. I ricavi pubblicitari della telefonia mobile hanno rappresentato circa il 91 percento dei ricavi pubblicitari della società nel trimestre. Le spese in conto capitale sono state di 3,46 miliardi e le disponibilità liquide sono state di 42,31 miliardi.

Leggi anche:  Facebook Messenger, un aggiornamento introduce la modalità selfie e gli sticker AR

Mentre Facebook ha mancato la parte delle entrate nel suo rapporto sui guadagni, l’elemento che viene guardato di più è il Daily Active Users o DAU. Questo indica quante persone hanno usato la piattaforma ogni mese. Mentre il numero di 1,47 miliardi è in crescita dell’11 per cento anno su anno, è ancora un po’ più basso di quanto ci si aspettasse. E ciò potrebbe essere dovuto allo scandalo di Cambridge Analytica, come già spiegato, che ha provocato l’hashtag #DeleteFacebook durante il trimestre.