Nazrin Hassan, amministratore delegato della Cradle Fund, società malese di venture capital, è deceduto per le ferite causate dall’esplosione del suo smartphone mentre dormiva.

Inizialmente si diceva che la causa della morte del CEO fosse l’inalazione di fumo. Secondo una dichiarazione rilasciata da Cradle, Hassan è morto per complicazione di lesioni da esplosione attribuibili a un telefono esploso. Al momento non è chiaro quale tipo di dispositivo fosse coinvolto. The Malaysian Insight riferisce che un messaggio dalla famiglia che circola sui social media ha affermato che Hassan aveva due telefoni, un BlackBerry e un Huawei. Non sappiamo quale sia esploso. Le autorità locali non si sono ancora impegnate a causa della morte in seguito all’accaduto.

Un’altra probabile esplosione di un cellulare ha portato il CEO di un’azienda malese alla morte mentre dormiva

Pare che la dichiarazione riguardante la causa della morte associata all’esplosione di un dispositivo mobile sia stata mossa dalla famiglia, non dalle autorità. Dunque ci sono delle indagini in corso ed è prematuro stabilire qualcosa, secondo Azmi Osman, direttore del Selangor Fire and Rescue Department.

Leggi anche:  Android o iOS? ecco i motivi per cui i consumatori scelgono l'uno o l'altro

Anche altri smartphone si sono rivelati malfunzionanti e si sono incendiati – il Galaxy Note 7 di Samsung era tristemente famoso per questo. Però un telefono che esplode con abbastanza forza da causare la morte è inusuale. Nel 2009, un uomo in Cina sarebbe morto quando il suo cellulare esplose in tasca, ma in seguito si scoprì che probabilmente si era sparato accidentalmente. Questo marzo, è stato riferito che una donna in India è morta mentre parlava al telefono, ma si ritiene che la causa in realtà sia stata un’altra. Quindi bisognerà attendere i rispettivi accertamenti anche per lo spiacevole accaduto del signor Hassan.