Il processore MediaTek Helio A22 è stato annunciato insieme a Xiaomi Redmi 6A all’inizio di questa settimana, essendo il SoC che alimenta tale dispositivo. MediaTek ha rilasciato una scheda tecnica dettagliata di Helio A22, che rivela praticamente tutte le informazioni necessarie.

Innanzitutto, vale la pena notare che si tratta di un processore quad-core a 64 bit che è stato realizzato utilizzando un processo di produzione a 12 nm (tecnologia FinFET di TSMC). L’unica informazione mancante nella scheda tecnica di MediaTek è la versione esatta della versione GPU della classe GE IMG PowerVR. In ogni caso, l’Helio A22 è dotato di supporto per display HD + con rapporti di visualizzazione fino a 20:9. Helio A22 presenta quattro core ARM Cortex-A53 con CorePilot MediaTek e un controller di memoria LPDDR3 / LPDDR4X flessibile.

MediaTek ha finalmente rilasciato tutte le specifiche di Helio A22, il nuovo processore mobile dell’azienda

MediaTek afferma che le prestazioni della CPU sono del 30% più veloci di Snapdragon 425. In aggiunta a ciò, MediaTek afferma anche che la GPU di Helio A22 è il 72% più veloce rispetto ai prodotti della concorrenza. Inoltre, questo processore supporta configurazioni a doppia fotocamera da 13 + 8 megapixel o una singola configurazione da 21 megapixel. Ovviamente sono supportate anche configurazioni della fotocamera con meno megapixel.

Leggi anche:  MediaTek Helio P70, ufficiale il SoC con intelligenza artificiale e attento alle risorse

Helio A22 è dotato del supporto MediaTek NeuroPilot, e anche di Face ID, lo stesso vale per gli album fotografici intelligenti. Questo processore supporta anche tutti i più comuni framework AI e l’API Android Neural Networks (NNAPI Android). L’Helio A22 è inoltre dotato di modem LTE WorldMode 4G, tecnologia di antenna intelligente MediaTek TAS 2.0 e standard come eMBMS, HUPE, Band 71 e IMS avanzato. È incluso anche il supporto per Bluetooth 5.0 e Wi-Fi (802.11ac). MediaTek ha dichiarato che vedremo altri smartphone a basso costo alimentati da Helio A22 più avanti quest’anno, il che era prevedibile. Infatti, si tratta di un SoC entry-level, anche inferiore all’Helio P22 (che alimenta Xiaomi Redmi 6).