batterie

Ancora una volta un primato non invidiabile per la nostra cara e bella Italia. La patria dello stivale è infatti stata classificata come la nazione mondiale dove vengono venduti più smartphone sì, ma contraffatti. Negli ultimi anni, con la diffusione di cellulari ad alta tecnologia, parallelamente si è sviluppato anche un mercato oscuro con device fasulli creati ad immagine e somiglianza di quelli veri. Un fenomeno questo molto nascosto, ma assai presente.

Ad essere imitati sono ovviamente i telefoni di maggiore popolarità: si va dai modelli principali di iPhone siano ai Galaxy S6 o S7 per arrivare addirittura ad alcuni Huawei. La qualità di questi prodotti è estremamente scadente, sia nelle funzioni sia nei materiali. Questi smartphone, venduti ad un prezzo che si aggira intorno ai cento euro rappresentano inoltre un doppio pericolo per gli utenti: un pericolo di sicurezza a causa di sistemi operativi non ufficiali e farlocchi ed un pericolo per la salute a causa delle scarse tecnologie adoperate per la costruzione.

Eppure, nonostante ciò, il mercato degli smartphone falsi in Italia raggiunge picchi record. Secondo le indagini europee il giro di denaro creato da questo fenomeno si aggira intorno agli 885 milioni di euro per un mancato incasso delle case madri che si aggira intorno al 15% delle vendite.

Il giro dei cellulari fasulli attualmente è uno dei più complicati da smascherare. A dispetto di qualche intervento della Guardia di Finanza, i dispositivi incriminati continuano a circolare per due motivi principali: la somiglianza con gli originali e il poco valore commerciale.

Anche se da noi c’è da piangere, non siamo soli: tutta l’Europa in maniera omogenea è colpita da questo fenomeno per ora difficile da eliminare.