Usare o non usare i caricabatterie non ufficiali

E oggi, invece, affrontiamo un altro bel mito, che ha il sapore di luogo comune: è vero che si dovrebbe usare solo il caricabatterie “ufficiale” del proprio smartphone per non danneggiarlo?

I produttori di smartphone vogliono che si utilizzi il caricabatterie ufficiale incluso nella scatola del dispositivo, così come si presenta a casa. In qualsiasi manuale verrà riportato la stessa cosa, ovvero che è “altamente raccomandato” non utilizzare alcun tipo di caricatore alternativo.

Tuttavia, la realtà è che, sebbene non si debbano usare caricabatterie di scarsa qualità, imitazioni estremamente pericolose e a buon mercato, utilizzare caricabatterie di altre marche e a prezzi accessibili non è assolutamente nocivo.

I caricabatterie moderni tramite USB sono standardizzati e, sebbene sia previsto un diverso periodo di tempo per durata della ricarica, in realtà questo non ne pregiudica la batteria. In sede di ricerca per appurare la veridicità di tale assunto, ci si è resi conto che, anche se il tempo necessario per caricare un dispositivo varia da un device ad un altro, questo davvero non influisce sulla durata della batteria o sul suo degrado.

E questo include utilizzare caricabatterie che hanno differenti valori di amperaggio da quello ufficiale. Le batterie moderne sono abbastanza intelligenti da usare solo la potenza massima che sono in grado di sopportare, non importa quel che offre il caricabatterie in questione. E, quindi, questo non comporta alcun rischio. Al contrario, le imitazioni di caricabatterie a basso costo spesso mentono sull’amperaggio e, dunque, questo comporta essenzialmente un problema. 

Il prossimo mito che affronteremo sarà quello relativo all’attivazione del Bluetooth e del Wi-Fi, oltre la determinazione della posizione e come questa potrebbe influire sulla durata della batteria.

Potrebbe interessarti anche:
– Tutti i miti e falsi consigli sulle batterie degli smartphone – Puntata 1
– Tutti i miti e falsi consigli sulle batterie degli smartphone – Parte 2   

– Tutti i miti e falsi consigli sulle batterie degli smartphone – Parte 3