BAM
Boro, magnesio e alluminio formano il nuovo materiale più liscio al mondo – BAM (Fonte Wikipedia)

BAM, acronimo per Boro, Alluminio, Magnesio (boruro di magnesio alluminio) è quasi duro come il diamante ed ha il primato come materiale più liscio al mondo con un coefficiente di attrito di 0,02. Scoperto per caso nel 1999 al Department of Energy Ames Laboratory in Iowa (USA) mentre erano in cerca di un materiale che producesse elettricità quando riscaldato.

Non è insolito fare scoperte per caso, proprio come avvenuto nei laboratori del Dipartimento dell’energia in Iowa. I ricercatori volevano creare un materiale con determinate caratteristiche e ne hanno trovato un altro con caratteristiche diverse, ma non per questo meno interessanti o addirittura sorprendenti. Il risultato di questo mix di scienza e casualità è un materiale molto resistente e dall’attrito molto basso, bassissimo. Tanto da poterlo definire il materiale più liscio che esista attualmente.

Fortunatamente per Ames Lab, la scoperta casuale ha portato allo sviluppo di un  programma con una sovvenzione di 3 milioni di dollari per proseguire le ricerche e far progredire ulteriormente il nuovo materiale in una sostanza utilizzabile che potrebbe contribuire significativamente ad aumentare l’efficienza energetica e la resilienza (capacità di assorbire un urto senza rompersi, NdR).

BAM ha un coefficiente di attrito di 0,02. Per dare un’idea del valore basti pensare che è meno della metà del Teflon, utilizzato oggi in molte applicazioni tra le quali, la più comune, nelle pentole e padelle antiaderenti. Il Teflon ha un coefficiente di attrito di 0,05, e l’acciaio di 0,16.

Proprio come il Teflon, il nuovo materiale può essere applicato come un rivestimento micro-sottile su molte superfici diverse, questo consentirà di migliorare l’efficienza energetica contribuendo alla longevità del materiale su cui sarà applicato. Secondo Bruce Cook, ricercatore responsabile del progetto Ames Lab, si stima che BAM potrebbe salvare, per la sola industria USA, 330.000 miliardi di kilojoule (9 miliardi di chilowattora), ogni anno a partire dal 2030. Ciò si traduce in circa 179 milioni di dollari risparmiati ogni anno.

Le caratteristiche meccaniche del materiale sono attualmente in fase di studio in quanto non è noto il motivo per cui il materiale mantiene tali caratteristiche. Normalmente, un materiale presenta solo caratteristiche di durezza o basso coefficiente di attrito e non entrambi contemporaneamente, è un fenomeno completamente nuovo ed entrambi sono stati scoperti ad alti gradi all’interno dello stesso materiale.

BAM ha il potenziale per risolvere il peggior incubo di ogni ingegnere: l’usura per attrito. L’attrito degrada le macchine (perché genera calore e il calore è energia che si disperde), consuma enormi quantità di energia e aggiunge un elevato grado di complessità alla progettazione. Tuttavia, BAM potrebbe contribuire a realizzare materiali ultra resistenti e con pochissimo attrito aiutando le macchine a durare più a lungo rispetto al passato.

https://youtu.be/797eG7wPYj4