Il servizio di car sharing di Lynk & Co ha registrato un afflusso di nuovi abbonati fino ad ottenere una notevole crescita di circa il 200%. Si è infatti passati da un totale di 60.000 a oltre 170.000 utenti in sette mercati: Olanda, Svezia, Germania, Francia, Italia, Spagna e Belgio.

Semplicità a tutto tondo per sfidare l’industria automobilistica

Lynk & Co vuole essere un brand di auto diverso dagli altri, la sua offerta per questo si basa su un abbonamento mensile (di 550 euro al mese) per avere a disposizione il SUV ibrido 01 e accedere a svariati servizi. Inclusi nel prezzo mensile anche assicurazione, bollo e manutenzione. La 01 può essere condivisa con altri utenti, per ridurre il canone mensile e avere la possibilità di accedere al mezzo in modo più flessibile e conveniente. L’obiettivo dell’azienda non è vendere tanti veicoli ma venderne il minor numero possibile per più persone. Il 2022 è stato l’anno per eccellenza in cui l’azienda ha testato questa strategia di car sharing, che ha riscosso molto successo come emerge dalle ultime stime.

“Il 2022 ha mostrato quanto sia potente il messaggio di Lynk & Co, una forza da non sottovalutare. Con il nostro abbonamento all-inclusive speriamo di mostrare non solo ai nostri utenti la semplicità radicale della nostra idea, portando soluzioni sostenibili e flessibili nell’industria automotive. Stiamo compiendo grandi passi e nella giusta direzione, siamo grati alle migliaia di soci che scelgono Lynk & Co”, dichiara il CEO dell’azienda.

Lynk & Co, un percorso sostenibile fin dall’inizio

Nel 2022 non è cresciuto solo il numero di abbonati Lynk & Co. Anche la forza lavoro è raddoppiata, 240 lavoratori sparsi in tutto il mondo si sono aggiunti al team dell’azienda, ad oggi i dipendenti sono quasi 800, di cui quasi la metà sono donne, un rapporto abbastanza equilibrato tra donne e uomini rispetto ad altri marchi nel settore. L’impegno del brand va anche in questa direzione, non solo veicoli per tutti ma anche equità sul posto di lavoro, per una società progressista oltre che sostenibile. L’accento è posto anche sul ciclo di vita di queste auto, modificando i modeli di business adottati verso un futuro e una mobilità diversa.

Retail esperienziale in nuove città con l’esperienza Club

Invece delle classiche concessionarie o i tradizionali showroom, Lynk & Co propone i Club, degli spazi aperti al pubblico con sede in più Paesi dell’Europa. Al loro interno è possibile fare un giorno di prova dei modelli disponibili ma anche gustare un buon caffè, lavorare nelle sale riunioni, partecipare ad eventi, acquistare prodotti e così via. Tra i nuovi Club aperti nell’ultimo anno uno anche a Roma, a Milano e Barcellona. Si sono aggiunti ad Amsterdam, Göteborg, Stoccolma, Anversa, Monaco, Amburgo e Berlino. Ma sono ancora molti gli opening in programma, sarà poi il turno di Francia, Spagna e Germania.

L’innovazione firmata Lynk & Co in Italia

L’azienda ha fatto il suo debutto in Italia nel 2021 e l’interesse verso il marchio continua a crescere. In tanti sono parte della community, almeno 30,000. Il mercato italiano è il secondo più grande in Europa in cui Lynk & Co riscuote successo. Inoltre, in Italia la consegna dell’auto è la più veloce, con un tempo massimo di 3-5 settimane. Altri importanti risultati sono stati raggiunti dal sito web del brand, che è primo in Italia in termini di traffico online.

Articolo precedenteYoox, multa milionaria per “Prezzi ingannevoli e limiti sul diritto di recesso”
Articolo successivoOpenAI, svelato chi si nasconde dietro l’intelligenza artificiale del momento
Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando la passione per la tecnologia.