caro carburanti

È ormai da mesi che i prezzi dei carburanti, insieme a quelli di gas ed elettricità, hanno preso una brutta piega. Dopo che si sta parlando ormai ogni giorno di inflazione e rincari, ecco che il Governo ha deciso di intervenire con delle misure per ridurre i costi.

Infatti, già da qualche mese è attivo il famoso taglio delle accise, che ha consentito agli italiani di risparmiare denaro quando vanno a fare rifornimento alla pompa. Oltre a ciò, è stato anche stabilito un bonus di 200 euro per i dipendenti privati. Vediamo nel dettaglio le due agevolazioni.

 

 

Agevolazioni del Governo, tra caro carburanti e bonus

Dopo il decreto Aiuti Bis, è stato firmato un decreto interministeriali che ha prorogato  per la terza volta da inizio anno il taglio delle accise di 30 centesimi sul costo di benzina, diesel, gpl e metano. La misura, ora, è stata prorogata fino al 17 ottobre, salvo ulteriori proroghe.

Riguardo alla seconda agevolazione, i dipendenti privati potranno avere 200 euro bonus per l’acquisto di carburanti e per ricaricare auto e scooter elettrici. L’importo verrà erogato dal datore di lavoro e non dallo Stato. Esclusi da questo bonus sono le amministrazioni pubbliche.

L’Agenzie delle Entrate ci tiene a specificare che questo bonus non concorre a formare il reddito del lavoratore; quindi, non ci sono tasse su quei soldi. Inoltre, dovrà essere conteggiato separatamente rispetto altri benefit che il dipendente può avere. Infine, non sono fissati limiti reddituali.

Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.