android autoAndroid Auto ha deciso di abbandonare definitivamente gli smartphone. A segnalare ciò è stato Google in tempi non sospetti, ma non era ancora chiaro quando la novità sarebbe arrivata. Negli USA, invece, degli utenti hanno già notato che l’app è stata disattivata sui loro device. Quindi, entro qualche giorno, il servizio non sarà più disponibile tramite cellulare ma solo mediante lo schermo dell’unità di infotaintment della propria automobile compatibile.

Quindi, dopo la disattivazione, se proviamo ad attivare l’app di Android Auto dal proprio smartphone si viene direttamente reindirizzati nelle pagine delle Impostazioni, dove è possibile configurare il pairing. La pagina in basso dà l’avviso che “Android Auto è ora disponibile solo per lo schermo dell’auto”.

 

Android Auto: dobbiamo cambiare auto se non è compatibile?

Chiaramente, non sarà necessario cambiare auto se Android Auto non è compatibile. Infatti, potrà utilizzare la Modalità Guida di Google Assistant che è stato distribuito a gennaio dell’anno scorso. Dopo un anno esatto, è giunto un refresh molto importante dell’interfaccia grafica. Se il sistema di infotainment era un’app dedicata, la Modalità Guida è collegata a Google Maps e all’app di Google.

Per avviarla, il modo migliore è la navigazione in tempo reale da Maps, ma è anche possibile chiederlo ad Assistant con un comando vocale. Dopo averla avviata, si potrà generare un collegamento nella schermata Home. In questo modo, potremo accedere facilmente ai contenuti che vogliamo con pulsanti molto grandi per evitare distrazioni alla guida (in basso).

La Modalità Guida di Assistant presenta pro e contro rispetto ad Android Auto. Uno dei principali contro è che non è stato ancora implementato il supporto alla modalità landscape. Tuttavia, il sistema è comunque buono e non è assolutamente un involuzione.

Android Auto

VIAhdblog
FONTE9to5google
Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.