WhatsApp: il trucco con cui hanno rubato gli account a 35 mila persone

Tutte le migliorie di WhatsApp, soprattutto quelle viste con gli ultimi aggiornamenti, hanno fatto tornare grande entusiasmo agli utenti. Stiamo parlando soprattutto di quelli che avevano pensato anche solo per un attimo di cambiare applicazioni di messaggistica istantanea. Tale decisione in alcuni casi sarebbe stata presa viste alcune problematiche passate, le quali avevano portato molte persone a perdere il loro account.

Secondo però alcune testimonianze, l’incubo sarebbe ritornato visto che tantissimi utenti avrebbero dichiarato di aver visto il loro account in mani altrui anche se per poco tempo. La polizia di Stato spiega che il tutto avviene tramite l’accesso a WhatsApp web, il quale può essere utilizzato dei truffatori che riescono ad ottenere il codice di verifica che viene inviato tramite SMS. Bisogna quindi sempre stare molto attenti e cercare di non cascare in quelle che potrebbero diventare delle problematiche molto difficili da risolvere.

 

WhatsApp: l’intervento della polizia di Stato tramite un comunicato cerca di tenere in guardia gli utenti

Per attivare l’App di messaggistica Whatsapp sul proprio smartphone – si legge sul profilo Facebook del Commissariato di PS Online – è necessario inserire uncodice che viene inviato tramite SMS sul dispositivo. Tramite questa procedura i cybercriminali riescono a far recapitare alla vittima un SMS nel quale viene chiesto l’invio di tale codice facendo apparire come mittente il numero di telefono di un contatto presente in rubrica.
L’invio del codice permette agli stessi di poter attivare un nuovo Whatsapp su un dispositivo diverso ma riferito al numero telefonico della vittima prescelta che, di fatto, ne perde la “proprietà
”.”