diesel

Sembra che il Regno Unito stia iniziando a supportare la prossima generazione di veicoli elettrici, afferma Mark Coates di Bentley Systems.

Per la parte migliore di un secolo, i fondamenti del trasporto su strada nel Regno Unito sono rimasti invariati. Il motore a combustione interna è rimasto il re della strada, per decenni, le case automobilistiche hanno gareggiato per andare più veloci, ma con la maggiore consapevolezza sull’inquinamento atmosferico e del suo impatto sui cambiamenti climatici, le case automobilistiche hanno iniziato a garantire un maggiore risparmio di carburante piuttosto che una maggiore potenza.

E con il governo del Regno Unito che decide di eliminare gradualmente la vendita di nuove auto e furgoni a benzina e diesel entro il 2030, ci troviamo all’inizio di una rivoluzione elettrica che sta per invadere le nostre strade. I produttori devono ora dare priorità e competere tra loro su nuove metriche: durata della batteria, efficienza e affidabilità. Supportare la prossima generazione di veicoli elettrici e infrastrutture sarà vitale per ridurre l’impronta di carbonio della nostra nazione.

Nonostante una pandemia globale, le vendite di veicoli elettrificati dello scorso anno nel Regno Unito hanno notevolmente superato le aspettative. Le immatricolazioni di veicoli elettrici sono aumentate del 186%, mentre gli ibridi plug-in sono aumentati del 91,2%. In confronto, la domanda di auto diesel è diminuita di quasi la metà (47,6%).

S&P Global stima che 18 milioni di veicoli saranno venduti in Europa nel 2021, con un aumento del 10% rispetto al 2020. Prevede inoltre che l’Europa sarà all’avanguardia nelle vendite di veicoli elettrici, con il 30% dei nuovi veicoli che dovrebbero essere venduti come veicoli elettrici entro il 2025.

Anche le batterie a litio inquinano

I leader mondiali del business stanno prendendo sul serio la sfida strategica a lungo termine che riguarda il fenomeno della decarbonizzazione. Con l’aumento della popolazione mondiale, aumenterà anche la domanda di trasporti.

È fondamentale che il Regno Unito decarbonizzi il settore dei trasporti e il trasporto su strada, non solo per aprire la strada alla riduzione delle emissioni globali, ma anche per rispettare l’impegno legalmente vincolante di raggiungere lo zero emissioni di carbonio entro il 2050 attraverso il Climate Change Act. Ma la riduzione delle emissioni deve tenere conto anche dei materiali utilizzati per la produzione dei veicoli e suggerisce che il 97% delle emissioni dei materiali delle auto elettriche potrebbe essere interrotto entro il 2030 senza alcun aumento netto del costo dei materiali.

L’impatto ambientale delle batterie è un obiettivo enorme. Ad esempio, Britishvolt prevede di fornire abbastanza celle per circa 300.000 pacchi batterie agli ioni di litio all’anno da fonti rinnovabili al 100%. Queste energie rinnovabili possono provenire dalla capacità eolica offshore e dall’utilizzo di energia idroelettrica dal collegamento norvegese del Mare del Nord, implementando un approccio attento all’ambiente approccio che si estende all’intera catena di approvvigionamento e si concentra sull’impatto dell’estrazione mineraria per i materiali delle batterie.