coronavirus europa

L’Europa è stata una delle prime regioni al mondo a distribuire vaccini contro il coronavirus, ma alcune parti del continente stanno assistendo a una ripresa dei casi di contagio, e alcuni hanno registrato i più alti livelli di infezione della pandemia.

Nella Repubblica Ceca, i nuovi casi giornalieri sono aumentati del 33% nell’ultima settimana, mentre le infezioni registrate sono aumentate del 52% in Croazia e del 49% in Austria, secondo il Washington Post.

Giovedì, il tasso di casi settimanale della Germania è salito a un record di 249 nuove infezioni ogni 100.000 persone, secondo l’agenzia per le malattie infettive del paese, eclissando il massimo dello scorso inverno di circa 197.

La differenza ora è che i vaccini sicuri ed efficaci sono disponibili da mesi. Ma con l’avvicinarsi dell’inverno nell’Europa centrale e orientale, i tassi di vaccinazione in molti paesi sono in ritardo.

La pandemia è tutt’altro che finita”, ha detto il ministro della Sanità tedesco Jens Spahn in una recente conferenza stampa. “Attualmente stiamo vivendo una nuova ondata principalmente tra i non vaccinati“, ha detto.

Circa il 66% dei tedeschi è completamente vaccinato, secondo Our World in Data, che tiene traccia dei dati disponibili al pubblico, mettendo la Germania leggermente indietro rispetto a Gran Bretagna e Francia. Il tasso di vaccinazione complessivo dell’Unione Europea si aggira intorno al 65%, sostenuto in parte dall’aumento vertiginoso del vaccino in paesi come il Portogallo, ma impantanato dagli sforzi in ritardo nell’Europa centrale e nell’Europa orientale.

Caos anche negli altri stati

Nella Repubblica Ceca, circa il 57% delle persone è completamente vaccinato, un tasso quasi identico a quello degli Stati Uniti, dove i funzionari hanno accusato per mesi la diffusione selvaggia del virus sui non vaccinati. Solo un terzo della popolazione in Russia e Romania è completamente vaccinato. In Russia, le infezioni registrate sono ancora ai massimi livelli, con circa 40.000 nuovi casi segnalati ogni giorno.

Ogni giorno in Russia vengono registrati più di mille decessi correlati al coronavirus, un numero “sorprendente“, ha affermato Elizabeth King, professoressa presso la School of Public Health dell’Università del Michigan, la cui ricerca si concentra sulla Russia e sull’Europa orientale.

L’esitazione nei confronti dei vaccini nella regione può essere attribuita alla sfiducia nel governo e nei vaccini stessi, ha affermato King. “La disinformazione si sta diffondendo alla stessa velocità del virus“, ha affermato.