benzina gas

La Norvegia consentirà alla Equinor controllata dallo stato e ai suoi partner di aumentare le esportazioni di gas da due giacimenti offshore per i prossimi 12 mesi, a causa delle preoccupazioni per la carenza di forniture di gas e carburante che hanno fatto salire i prezzi.

Equinor, il secondo fornitore di gas in Europa dopo la russa Gazprom, ha dichiarato lunedì che il governo sta consentendo un aumento combinato di 2 miliardi di metri cubi (bcm) delle esportazioni a partire dal 1 ottobre dai giacimenti di Troll e Oseberg.

L’aumento corrisponde a quasi il 2% delle esportazioni annuali di gas da gasdotto della Norvegia, secondo i calcoli di Reuters.

Il prezzo del gas nel primo mese presso l’hub olandese TTF, un punto di riferimento europeo, è più che triplicato quest’anno raggiungendo livelli record, facendo salire i prezzi dell’energia mentre si avvicina la stagione del riscaldamento invernale con livelli di gas in stoccaggio inferiori alla media.

Una situazione che sta degenerando sempre piu’

La situazione sta spingendo la Gran Bretagna a prendere in considerazione prestiti garantiti dallo stato a società energetiche e grandi fornitori per chiedere il sostegno del governo per coprire i costi di acquisizione di clienti da aziende fallite.

Riteniamo che questo questo intervento debba essere tempestivo in quanto l’Europa sta affrontando un mercato insolitamente incerto per prezzo del greggio“, ha affermato Equinor. “Stiamo lavorando a misure per aumentare le esportazioni“.

L’aumento delle esportazioni, diviso equamente tra Troll e Oseberg, aumenterà i volumi dai campi rispettivamente a 37 bcm e 6 bcm, ha affermato Equinor.

La Norvegia ha esportato circa 106 miliardi di metri cubi di gas naturale in Europa tramite gasdotti dal 1 ottobre dello scorso anno. Secondo i dati di Refinitiv Eikon, le esportazioni per il precedente anno termico completo, terminato il 30 settembre 2020, sono state pari a 105 miliardi di metri cubi.

Il governo norvegese stabilisce quote di produzione e alcuni altri importanti giacimenti per garantire che il paese sia in grado di massimizzare la produzione di petrolio greggio e gas naturale nel tempo.