netflix

La piattaforma californiana Netflix è stata capace di calcolare un dato davvero singolare, ossia quanta anidride carbonica viene emessa nell’atmosfera per ogni ora che si passa su di essa. Questo è un dato più importante di quanto si pensi: essendo che lo streaming video è molto popolare, la valutazione corretta del suo impatto ambientale ci aiuta a capire come ridurre le emissioni. Tuttavia, c’era il bisogno di tenere conto di tutta la situazione attuale, e ciò è stato fatto dall’Università di Bristol con uno strumento.

 

 

Netflix: lo strumento che aiuterà la piattaforma a capire in che direzione andare

Il suddetto, chiamato Dimpact, ha consentito a Netflix di calcolare che un’ora passata sulla sua piattaforma equivale a meno di 100 g di anidride carbonica. L’edizione britannica di Wired riporta che questa è meno di quanta ne emette un’auto per percorrere 500 metri. Bernardi Pranggono, docente di ingegneria delle reti dei computer, ha giudicato i dati “ragionevoli”.

Inoltre, la società ci ha tenuto a mettere in evidenze che codeste valutazioni saranno inserite in un “white paper” in pubblicazione su Carbon Trust, un’associazione inglese no-profit che aiuta le aziende a ridurre le emissioni di anidride carbonica. L’uso di Dimpact consentirà alla piattaforma di capire quali elementi del suo servizio può essere migliorato in termini ambientali.

Mentre altre aziende come Microsoft o Apple hanno annunciato chiaramente i loro piani per ridurre le emissioni, Netflix questo non lo ha fatto. La valutazione effettiva tramite questo strumento sono il primo passo per andare a stabilire degli obiettivi chiari, secondo la stessa società. Di fatto, entro la fine della primavera, andrà ad annunciare al pubblico quali saranno i suoi obiettivi dal punto di vista climatico.

VIAdday