Huawei, Honor, EMUI 11, Android 11, Google, HMS, GMS

In queste ore Huawei ha annunciato di aver raggiunto un risultato estremamente importante. Il produttore cinese infatti ha confermato che la diffusione di EMUI 11 procede a gonfie vele. Il sistema operativo proprietario ha raggiunto i device di oltre 100 milioni di utenti.

Considerando che l’annuncio di EMUI 11 è avvenuto lo scorso settembre 2020 durante la Huawei Develop Conference, il risultato è molto importante per il produttore. Nonostante queste cifre, lo sviluppo di nuove soluzione da parte del brand non si fermerà.

Infatti, il passo successivo sarà quello di distribuire HarmonyOS, il sistema operativo proprietario realizzato internamento dal brand. Lo sviluppo della soluzione software si è resa necessaria in seguito al BAN imposto dagli Stati Uniti e quindi all’impossibilità di usare i Google Mobile Services (GMS). 

Huawei festeggia EMUI 11 ma già pensa a HarmonyOS

Tuttavia, Android è un sistema operativo Open Source, questo significa che il codice sorgente può essere utilizzato liberamente. Il vincolo del BAN include solamente i GMS, motivo per il quale il gigante tech ha sviluppato i Huawei Mobile Services.

HarmonyOS quindi sarà molto simile alla EMUI 11 e ai suoi futuri minor update ma con prestazioni e feature migliorate. Tuttavia, Huawei non svilupperà una EMUI 12 e il major update della versione 11 sarà proprio HarmonyOS. Le indiscrezioni indicano che possiamo aspettarci una versione 11.1 ma si tratterà solo di ottimizzazioni.

Il nuovo OS sarà distribuito in Cina con il nome di HongMengOS e il produttore punta a renderlo scalabile. Questo significa che HarmonyOS è sviluppato per funzionare su tutti i device, dagli smartphone ai tablet passando per Smart TV e anche automobili.