blank

Un ipotetico acquisto di Netflix da parte di Apple è la tipica storia che nella tecnologia si rifiuta di morire. Ogni tanto riemerge come parte di una voce o di uno studio di un analista finanziario. Ma è ancora un esercizio di fantascienza tecnologica in cui molte variabili vengono ignorate e troppe ipotesi vengono date per scontate.

Ora, questo tema è stato riportato alla luce per mezzo di Dan Ives, manager e analista di Wedbush Securities, in un’intervista per Yahoo Finance. E ci aiuta a rivedere i motivi per cui l’acquisto di Netflix da parte di Apple non avrebbe alcun senso.

Apple, acquistare Netflix non avrebbe senso

Per Ives, il rifiuto di Apple di acquistare Netflix è un problema quando si tratta di affrontare aziende come Netflix o Disney. Il magro catalogo di Apple TV + non può competere nella “corsa agli armamenti a cui stiamo assistendo”. L’analista vede inevitabile che Apple finirà per acquistare uno studio come MGM, Lionsgate o A24. Quando si considera questo tipo di intervento, di solito si soffre di miopia da ceteris paribus. Una variabile viene presa, modificata a piacimento e lanciata di nuovo, sperando che l’insieme rimanga lo stesso tranne che per quel cambiamento. Quando in realtà non succede mai in quel modo.

Un Netflix nelle mani di Apple probabilmente avrebbe ceduto alle sue esigenze. Il suo marchio, i processi, la tecnologia e il catalogo non sarebbero stati gli stessi di adesso, ma sarebbero stati assorbiti all’interno di quelli del blocco di Apple.

Inoltre, vengono trascurati due punti fondamentali che Christina Warren ci ricorda su Twitter. Ed è che Netflix non era in vendita né Apple era disposta a comprarlo. Perché con questi tipi di servizi, Apple non deve acquistarli per ottenere ciò di cui ha bisogno. La semplice presenza di Netflix nell’App Store, anche se i pagamenti non vengono effettuati all’interno del suo sistema, serve a completare l’offerta del servizio sui dispositivi Apple.

In altre parole: essendo nell’App Store, Apple ottiene già ciò che vuole da Netflix. E questo è l’accesso al catalogo per gli utenti di iPhone, iPad e Apple TV. C’è poco che si ottiene senza dover entrare nel fango che comporterebbe la gestione di un’azienda grande e con una cultura diversa come Netflix.

Alla fine, gli utenti se la cavano meglio senza che Apple abbia acquisito Netflix. Godiamo di due servizi, ognuno con le sue peculiarità, vantaggi e svantaggi.