blank

Si dice che il gigante tecnologico cinese Huawei sia in trattative iniziali per vendere i suoi marchi di smartphone della serie P e Mate, secondo Reuters. Ha citato due persone con conoscenza diretta della questione, che hanno detto che la società era in trattative con un consorzio di società di investimento di Shanghai sostenute dal governo.

Arriva la smentita di Huawei sulle false notizie

Reuters ha affermato che i colloqui sono iniziati lo scorso settembre, poco prima che Huawei confermasse a novembre che stava vendendo il suo marchio di telefoni economici Honor. Secondo il rapporto, la società deve ancora prendere una decisione finale sulla vendita definitiva dei marchi di telefoni.

Un portavoce di Huawei ha smentito le notizie, affermando in un comunicato: “Huawei ha appreso che circolano voci infondate riguardo alla possibile vendita dei nostri marchi di smartphone di punta. Non c’è alcun merito a queste voci di sorta. Huawei non ha un piano del genere. Restiamo pienamente soddisfatti. impegnati nel nostro business degli smartphone e continueremo a fornire prodotti ed esperienze leader a livello mondiale per i consumatori di tutto il mondo “.

Le serie Mate e P sono i modelli di telefono di punta più venduti di Huawei e si sono dimostrati popolari non solo in Cina, ma in tutto il mondo. Venderli avrebbe visto l’azienda uscire del tutto dal mercato della telefonia di fascia alta.

La mossa seguirebbe la crescente pressione degli Stati Uniti, che negli ultimi anni ha impedito ai telefoni Huawei di essere ampiamente venduti nel paese. Le sanzioni imposte dagli Stati Uniti significano anche che dalla fine del 2019 i telefoni Huawei non vengono più spediti con i servizi Google, incluso l’app store di Google Play.

Nonostante le sanzioni, l’azienda ha continuato a prosperare al di fuori degli Stati Uniti. Huawei è stata brevemente il produttore di telefoni n. 1 lo scorso anno, prima di perdere quote di mercato a favore di Samsung e tornare al secondo posto entro la fine del terzo trimestre, secondo IDC .

Ma le restrizioni sull’acquisto di componenti fabbricati negli Stati Uniti da parte di Huawei significano che l’azienda deve smettere di produrre chipset Kirin a marchio proprio che alimentano i suoi telefoni. Si pensa che Huawei finirà probabilmente le scorte di chip Kirin quest’anno.

Molte delle sanzioni imposte a Huawei sono state ordinate dall’amministrazione di Donald Trump, che considerava Huawei come una minaccia alla sicurezza a causa dei suoi legami con il governo cinese, cosa che la società ha costantemente negato. Ma anche con un nuovo presidente alla Casa Bianca, non c’è alcuna garanzia per l’azienda che gli Stati Uniti cambieranno idea.