Twitch non solo ha esteso a tempo indeterminato il ban al profilo di Donald Trump, ma sta anche rivedendo le sue politiche in seguito all’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti.

Il sito di streaming ha confermato il ban permanente in una dichiarazione a IGN, affermando che gli eventi hanno spinto a riconsiderare la sua presa di posizione contro comportamenti d’odio, molestie e incitamento alla violenza.

Twitch banna definitivamente l’account di Donald Trump

Il canale di Trump è stato sospeso all’inizio di questo mese dopo che una folla di suoi sostenitori ha preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti, provocando la morte di quattro persone.

“Le dichiarazioni del Presidente continuano ad essere interpretate come inviti all’azione, e stiamo intraprendendo questa azione per rimuovere il potenziale danno alla nostra comunità e al pubblico in generale”, si legge nella dichiarazione.

“Twitch ha regole chiare che proibiscono comportamenti che incitano all’odio, molestie o incitamento alla violenza sul nostro servizio e consideriamo anche gli eventi fuori servizio quando prendiamo decisioni. Tuttavia, gli eventi delle ultime settimane hanno evidenziato una lacuna rispetto alla retorica che incoraggia la violenza, indipendentemente dal fatto che sia stata o meno trasmessa direttamente su Twitch. Aggiorneremo le nostre politiche come risultato della nostra considerazione di questa situazione”.

Twitch ha qualche giorno fa già aggiornato le nuove linee guida, assumendo una posizione più dura sulle molestie sessuali, non consentendo più richieste di nudi, dichiarazioni oggettivanti o commenti ripetuti sull’attrattiva di una persona o sul desiderio di eseguire atti sessuali espliciti su di loro. Il sito vieta inoltre agli utenti di incoraggiare attacchi DDoS, swatting o persino molestie agli account dei social media.

Le molestie basate su razza, etnia, sesso, religione, sessualità o altri aspetti dell’identità sono state ora riclassificate come comportamenti di odio. Tuttavia, queste nuove regole si applicano solo ai nuovi contenuti. I contenuti esistenti che già violano le nuove regole non verranno affrontati retroattivamente.

Twitch aveva precedentemente vietato il canale di Trump a giugno in seguito ai commenti odiosi che aveva fatto durante le sue manifestazioni elettorali, entrambe le volte insinuando che tutti i messicani fossero criminali. Tuttavia, in quel caso il divieto è durato solo due settimane.