blank

Boeing interromperà la produzione del suo famoso 747 entro il 2023 e Airbus ha appena trasportato la sua ultima fusoliera A380 attraverso la Francia a giugno mentre si prepara a chiudere la linea nel 2021 dopo meno di due decenni di produzione.

È la fine di un’era per i quadrimotori.

Entrambi sono stati vittime della debole domanda delle compagnie aeree che hanno servito fedelmente in mezzo a una pandemia paralizzante, anche se la loro popolarità ha iniziato a diminuire molto prima che fosse segnalato il primo caso COVID-19.

La pandemia di coronavirus sta solo accelerando quel processo. Qantas, KLM Royal Dutch Airlines, Virgin Atlantic Airways e Corsair hanno ritirato i loro Boeing 747 mesi prima del previsto, mentre Air France ha ritirato bruscamente la sua flotta Airbus A380 a maggio, 11 anni dopo il suo primo volo per la compagnia di bandiera.

Non è stato per mancanza di comfort, poiché la maggior parte dei viaggiatori amava lo spazio aggiuntivo offerto da entrambi gli aeromobili, che consentiva servizi non presenti sulla maggior parte dei jet monomotore. I primi giorni del 747 hanno visto l’iconica gobba usata per cocktail lounge o un ristorante nei cieli, mentre l’A380 è noto per essere l’unico aereo di linea commerciale ad avere una doccia in volo, che Emirates offre ai passeggeri di prima classe.

Piuttosto, l’enorme velivolo è diventato una vittima dell’ambizione dei loro produttori nel creare nuovi aerei per fare il lavoro in modo più economico ed efficiente rispetto ai behemoth che una volta pubblicizzavano.
Il Boeing 747 era soprannominato affettuosamente “Regina dei cieli” poiché poteva volare più a lungo con più passeggeri rispetto ai suoi concorrenti, ma al posto dell’A380 e del 747 non ci sono jet più grandi ma più piccoli.