blank

Il dibattito sull’opportunità che gli streamer di videogiochi debbano pagare le Royalty ai rispettivi sviluppatori ed editori è in corso da un decennio. I commenti fatti da un direttore creativo di uno degli studi interni di Google Stadia hanno riacceso l’argomento.

Le opinioni di Alex Hutchinson sugli streamer, la presa di posizione di Google e le critiche

Hutchinson crede che gli streamer generino entrate dai giochi che hanno ottenuto gratuitamente o con pochissimi soldi e quindi dovrebbero dare parte degli introiti ottenuti ai sviluppatori. Le opinioni di Hutchinson non sono andate giù bene, con diversi critici che hanno contrastato le parole del dipendente di Google Stadia. Google alla fine ha rilasciato una propria dichiarazione in merito, prendendo le distanze dalle osservazioni di Hutchinson.

Michael Hartman, uno sviluppatore con 30 anni di esperienza, ha condiviso un’affascinante analisi di come gli streamer siano una parte del marketing, ma non così vitali per il successo delle vendite come una volta.

Hartman spiega che la maggior parte degli spettatori di streaming ora guarda i contenuti per intrattenimento piuttosto che per consigli sull’acquisto, il che ha portato a un minor numero di vendite da streaming al di fuori degli ovvi valori anomali virali (come Among Us e Phasmophobia quest’anno). Nonostante ciò, Hartman crede ancora che sia una parte vitale del settore, ma si aspetta che ci sarà un accordo in futuro a vantaggio sia degli streamer che degli sviluppatori.

Hartman afferma che circa sei anni fa il panorama era diverso: gli streamer hanno influenzato direttamente le vendite di molti giochi in modo tangibile. Ma anche allora, il tipo di gioco era importante. Lo sviluppatore di Fez, Phil Fish aveva una visione simile a Hutchinson nel 2014, affermando che gli streamer dovrebbero pagare una parte delle loro entrate agli sviluppatori di un gioco. Fish non sviluppa più videogiochi.