toyota

Il 2019 è stato in assoluto uno degli anni più difficili per il settore automobilistico e, in particolare, per gli automobilisti stessi. Ford e Renault, di fatto, sono state costrette a ritirare centinaia di migliaia di veicoli a causa di molteplici problemi riscontrati sui motori e sulle batterie. Con l’inizio del 2020, nonostante lo scoppio di una pandemia globale, la situazione sembrava essersi definitivamente risolta ma, inaspettatamente, sono emerse delle nuove problematiche su alcuni veicoli targati Honda e Toyota. Scopriamo di seguito cosa sta accadendo.

Toyota e Honda: ecco i principali problemi riscontrati negli ultimi mesi

Per quanto riguarda il noto marchio Giapponese Toyota, di recente centinaia di migliaia di automobilisti hanno riscontrato un pericoloso problema nel sistema di espulsione dell’Airbag. Secondo quanto riferito dall’azienda stessa, un’interferenza elettrica, generata nel momento dello scontro, sembrerebbe bloccare l’airbag all’interno della scocca in cui è contenuto. I veicoli interessati dal problema sono i seguenti:

  • Corolla immatricolate nel periodo compreso tra il 2011 e il 2019
  • Matrix immatricolate tra il 2011 e il 2013
  • Avalon, ibride e non, immatricolate tra il 2012 e il 2018

Toyota ha però fatto sapere che, ad oggi, è in fase di realizzazione un filtro che permette di bypassare il problema.

In casa Honda, invece, il problema sembra essere ancor più serio. Stando a quanto riportato dall’azienda Giapponese, su molteplici veicoli è stato rilevato un livello di pressione anomalo all’interno della scatola metallica che contiene l’Airbag. Quest’ultima, quindi, rischia di esplodere da un momento all’altro facendo schizzare centinaia di migliaia di schegge all’interno dell’abitacolo. Anche in questo caso il problema è circoscritto ai soli veicoli che seguono:

  • Accord immatricolate tra il 1998 ed il 2000
  • Civic immatricolate tra il 1996 ed il 2000
  • CR-V immatricolate tra il 1997 ed il 2001
  • Odyssey immatricolate tra il 1998 ed il 2001
  • EV Plus immatricolate tra il 1997 ed il 1998.