Il servizio Music del colosso di Cupertino Apple, con l’arrivo del nuovo sistema operativo iOS 14, ha ricevuto molte novità, già arrivate o che stanno per arrivare anche sulla versione Android.

Oltre all’introduzione dell’autoplay, delle nuove funzioni di ricerca e del ridesign di Now Playing, l’applicazione offre anche la possibilità di abilitare la dissolvenza incrociata. Scopriamo insieme tutti gli altri dettagli.

 

Apple Music introduce molte novità anche per l’applicazione Android

La funzione in questione è totalmente assente sulla piattaforma di musica in streaming YouTube e quindi potrebbe attirare anche dei nuovi clienti. Nelle impostazioni di Apple Music 3.4 beta è apparso un toggle specifico accompagnato da uno slider per impostare la durata dello sfumato, da 1 a 12 secondi. Noi vi consigliamo di tenere piuttosto basso questo valore, in caso contrario potreste perdere le prime battute di certe canzoni.

La funzione, per quanto in forma sperimentale, a livello sonoro fa il suo dovere come uno si aspetterebbe, mentre forse la transizione tra le tracce deve essere ancora affinata dal punto di vista grafico. A questo punto però, è strano notare come l’applicazione di Apple su Android riesca a essere non solo competitiva, ma forse anche più interessante di quella realizzata da Google, una considerazione che tutto sommato vale a livello estetico oltre che funzionale.

Vi ricordo che se avete voglia di darle un’occasione, potete scaricare Apple Music da Google Play, mentre per avere la dissolvenza dovrete per forza iscrivervi al canale Beta dell’applicazione. Non ci resta che andare a sperimentare questa nuovissima ed interessante funzione, sorprendentemente sbarcata anche su Android!.