Asteroide2020 LD. Questo è il nome del pericolosissimo asteroide che si è avvicinato il 5 giugno 2020 alla Terra. È volato a circa l’80% della distanza dalla Luna, ovvero 206.675 chilometri, ed ha un diametro compreso tra gli 89 e 200 metri. Ciò che ha veramente spaventato tutti è che, nonostante le dimensioni non proprio piccole, nessuno ha visto il corpo solido avvicinarsi alla Terra. 2020 LD è l’asteroide più grande ad essere arrivato vicino alla Terra da 9 anni a questa parte e gli esperti hanno segnalato il suo passaggio solamente due giorni dopo, ossia il 7 giugno. Gli astronomi che lavoravano al programma, chiamato ATLAS, hanno notato un oggetto che viaggiava a circa 97.980 chilometri all’ora rispetto alla Terra. Davvero impressionante.

 

 

Asteroide contro la Terra: dal 2011 mai nessun asteroide è andato così vicino al nostro pianeta

Il programma che abbiamo prima citato ha uno scopo ben preciso, ossia l’osservazione del cielo notturno effettuato in due stazioni le quali sono collocate a 150 chilometri l’una dall’altra. Il loro nome è ATLAS 1 e ATLAS 2, queste hanno a disposizione la bellezza di 8 telescopi muniti di camere da 100 megapixel. Il loro compito inoltre, è quello di individuare asteroidi con un preavviso di almeno 24 ore, ciò che purtroppo non è accaduto.

Nel caso in cui ci fosse stato l’impatto con la Terra, l’asteroide avrebbe causato dei danni molto rilevanti. Molti esperti si sono posti una domanda: come mai non sono stati in grado di vedere prima l’arrivo del pianetoide? Dopo un po’ è arrivata la risposta: il Sole. Infatti, il Sole ha nascosto l’arrivo dell’asteroide.

Fortunatamente ora siamo al sicuro. Questo perché 2020 LD dovrebbe forse riavvicinarsi alla Terra tra circa 50 anni. Fino a quel tempo, tutti noi ci auguriamo che possiamo avere strumenti ancora più efficienti per prevedere l’arrivo di queste pericolose pietre cosmiche.