DVB T2 Italia

Da diversi giorni le procedure di aggiornamento DVB T2 sono state avviate con successo. Ufficialmente portano ad una nuova programmazione per tutti gli italiani ora chiamati ad adeguarsi a nuovi sistemi di trasmissione per i canali RAI e Mediaset.

Quanto riportato nel precedente paragrafo vale soprattutto per le Regioni del Nord Italia, chiamate per prime al nuovo segnale di rete che garantire l’uso dei canali HD su tutta la linea. Le attuali frequenze non funzioneranno più, rendendosi di fatto incompatibili con il sistema televisivo. Presto anche le regioni del Sud avranno lo stesso trattamento che si completerà con l’upgrade del 5G entro i prossimi due anni.

In tal caso bisognerà fare una scelta importante. Dovremo aggiornare eventualmente le nostre apparecchiature tramite decoder DVB T2. Potrà essere installato all’intero o all’esterno del televisore. Il risultato non cambia ma esiste la possibilità di avere tutto Gratis attraverso una nuova promozione valida per tutti.

 

Decoder DVB T2 Gratis o nuovo televisore, a voi la scelta

Il test per la verifica dei canali disponibile ai numeri 100 e 200 del Digitale Terrestre può palesare due differenti situazioni:

  • piena compatibilità nativa
  • mancata compatibilità

Nel primo caso con ogni probabilità abbiamo già aggiornato il sistema o stiamo usando un televisore con decoder aggiornato e predisposto per le nuove frequenze. Non si deve fare nulla.

Nel secondo caso, invece, bisognerà prendere una decisione, ovvero se cambiare direttamente TV o scegliere un decoder da collegare via SCART o HDMI al televisore non compatibile. I modelli realizzati e venduti dopo il 1 gennaio 2017 sono già compatibili ma non è questo il caso.

Scegliendo un decoder integrato su un televisore ex novo tutta la spesa resterà a carico nostro in modo dipendente alle qualità ed alle caratteristiche proprie del prodotto. Se, invece, la scelta ricade su un decoder compatibile la spesa è azzerata grazie ai nuovo Bonus TV predisposti ed ancora disponibili grazie al fondo del Ministero per lo Sviluppo Economico. Garantisce uno sconto da 25 a 50 euro sulla base dei dati della dichiarazione dei redditi ISEE da presentare al negozio per ottenere il bonus.

Nello stesso tempo un cambiamento è in atto anche per i clienti SKY della piattaforma satellitare, che passa alla trasmissione di tipo  DVB – S2 per un salto generazionale in termini di qualità e gestione del segnale via parabola.