evasione fiscale

In Italia l’evasione fiscale continua ad essere, purtroppo, un forte problema da risolvere. Ogni Governo cerca di limitare gli evasori cronici, ma si tratta sfortunatamente di un lavoro molto complicato.

Il Comitato di esperti in materia economica e sociale con a capo Vittorio Colao ha sviluppato il rapporto Iniziative per il rilancio Italia 2020-22 con delle indicazioni ben precise. Si potrebbe mettere un freno in modo definitivo introducendo la Voluntary Disclosure sul contante e su valori derivanti da redditi non dichiarati. Si tratta di una collaborazione volontaria, eccovi svelati tutti i dettagli qui di seguito.

Evasione Fiscale: una piaga troppo forte in Italia, ecco cosa suggerisce un comitato di esperti in materia

Questo nuovo sistema suggerito al Governo prevede due meccanismi:

  • Applicare una imposta sostitutiva tra il 10% e il 15% su sostitutive, Irap, Iva, redditi, addizionali, sanzioni e interessi.
  • L’altro meccanismo è l’obbligo di investire una parte dell’ammontare per un periodo definito inizialmente a una iniziativa strategica per rilanciare il Paese.

Investire nel nostro Paese potrebbe essere la soluzione da adottare per risollevare l’Italia e, ad esempio, potrebbero essere investiti in social bonds nominativa per la ristrutturazione delle scuole o per eventuali progetti infrastrutturali.

In tanti si domandano se è necessario dichiarare da dove provengono i soldi e, leggendo il rapporto sviluppato dal comitato di esperti in materia economica e sociale, per regolarizzare e riscuotere gli effetti premiali in ambito penale è necessario dimostrare la provenienza dei valori oggetto. Al momento è tutto scritto su un pezzo di carta e nessuno ha ancora ufficializzato questo rapporto, ma è molto importante non contribuire all’evasione fiscale.