blankPrima dell’avvento del Coronavirus, il 5G è sempre stato incolpato di tutto, dal cancro all’infertilità. Le teorie cospirative in genere si diffondono principalmente sul web, talvolta anche nella vita reale come in questo caso.

Mescolando le paure infondate del 5G con il panico causato da una pandemia globale la gente ha iniziato a dar vita alle teorie più disparate. Alcuni post sui social affermano che il presunto impatto del 5G è solo l’ultimo di una serie di pandemie indotte dalle onde elettromagnetiche. Questi cospiratori collegano l’epidemia H1N1 nel 2009 con l’introduzione del 4G, l’epidemia nel 1998 al 3G, l’introduzione delle onde radio come causa dell’influenza spagnola del 1918. La teoria su tutte queste pandemie è stata smentita innumerevoli volte dagli scienziati. Un professore di micro-biologia l’ha recentemente descritta come “un’impossibilità sia fisica che biologica”. Quindi come si è diffusa?

L’inizio e la trasmissione

I primi post online che promuovono la teoria sono apparsi alla fine di gennaio. Una settimana prima, un medico di medicina generale belga aveva rilasciato un’intervista a un giornale in lingua olandese. Aveva ipotizzato che il 5G potesse essere pericoloso per la vita, ma dichiarando di non aver constatato alcuna teoria. Il giornale ha rimosso i commenti, l’articolo poche ore dopo non c’era più, secondo un’indagine di Wired, ma non prima che fossero raccolti da attivisti anti-5G di lingua olandese.

Ora disponibili anche in inglese, fino ad arrivare alla nascita di teorie sempre più assurde sui piani degli Illuminati per controllare la crescita della popolazione. Una delle teorie più bizzarre afferma che la campagna “Clap For Our Carers” per supportare i lavoratori abbia secondi fini. , Ossia, la campagna serve per mascherare il suono delle infrastrutture 5G implementate. Un post che potrebbe essere iniziato come uno scherzo beffardo dei teorici della cospirazione ha da allora trovato trazione nei gruppi Facebook e WhatsApp.

Chi diffonde le teorie sul 5G

Alimentata dai social media, la campagna è riuscita ad attirare celebrità e persino provocare atti di vandalismo. Quando sono emerse le notizie di una torre di telecomunicazioni incendiata a Birmingham e Liverpool, l’attore Woody Harrelson e Amanda Holden erano tra le figure di alto profilo che condividevano teorie che sul 5G e il Covid-19. Holden ha twittato un collegamento a una petizione di Change.org chiedendo al governo britannico di interrompere immediatamente la costruzione di infrastrutture a causa di presunti collegamenti sia con il cancro che con il coronavirus. Poco dopo la pubblicazione del suo tweet, la petizione è stata cancellata. Change.org ha valutato che conteneva disinformazione, ma non prima di aver già raccolto oltre 100.000 firme. 

I gruppi di Facebook per diffondere nuove voci possono essere facilmente trovati cercando “5G” o “coronavirus”. Alcuni gruppi hanno oltre 50.000 membri. I membri di un gruppo hanno tentato di organizzare il dirottamento di un programma radiofonico sul 5G. Un altro sta attualmente tentando di organizzare una “rivolta di Pasqua” globale per sensibilizzare sulle loro idee infondate. Più di 2.000 persone hanno finora aderito a quest’ultimo, sebbene a causa della metà della popolazione mondiale attualmente bloccata per il coronavirus, la protesta sia piuttosto limitata.

La protesta del ‘I Do Not Consent to 5G‘ comporta la disattivazione degli smartphone personali e di altri dispositivi connessi a Internet il lunedì di Pasqua, con l’idea che “faranno rumore” senza fare alcun rumore. “Dobbiamo essere ascoltati a distanza e in silenzio”, afferma la sezione “about” della pagina. Non ci sono prove scientifiche di alcun legame tra 5G e coronavirus. Non solo queste affermazioni sono prive di fondamento, sono dannose per le persone e le aziende su cui si basano la continuità dei servizi incriminati. Le persone a cui si riferiscono includono “persone care isolate o vulnerabili, così come operatori del servizio sanitario nazionale e dei servizi di emergenza.

Alcuni provvedimenti

Alcune importanti aziende tecnologiche hanno già iniziato a reprimere i post dedicati a tali teorie, tra cui Facebook e YouTube. Altre società, incluso Twitter, sono state meno disponibili. Il social network si è rifiutato di affrontare direttamente le teorie della cospirazione sul coronavirus. Si sta concentrando su “aiutare le persone a trovare fonti autorevoli di informazioni” sulla piattaforma. “Stiamo rendendo gli ultimi aggiornamenti facili da reperire posizionandoli con una pagina dedicata agli eventi in cima alla cronologia delle persone”, ha detto un portavoce.