virus tax bufalaDa diverso tempo ormai in rete si legge della possibile applicazione della Virus Tax, una ipotetica tassa imposta obbligatoriamente dal Governo, tramite prelievo forzoso dai conti correnti dei consumatori, proprio per sopperire alle mancanze dovute dalla crisi economica conseguente al coronavirus.

L’attenzione da parte della community è stata da subito altissima, già in passato avevamo assistito ad una soluzione molto simile, allora venne chiamata Eurotassa e venne applicata dal Governo Prodi nel 1998, proprio per permettere all’Italia di entrare nell’Euro.

Tranquillizzatevi subito, si tratta a tutti gli effetti di una fake news bella e buona, al momento in cui vi scriviamo nessuno ha mai parlato di una simile possibilità, né in tempi brevi, né lontani.

 

Virus Tax: la nuova bufala

Siamo consapevoli di essere di fronte ad una crisi economica quasi senza precedenti, si teme possa essere peggiore del 2008, ma è lo stesso vice Ministro dell’Economia, Laura Castelli, ad invitare di non diffondere allarmismi in un momento tanto delicato per tutto il mondo.

Il timore, stando a quanto si legge in rete, è che la notizia sia in parte legata anche a connotazioni politiche, pensata e creata ad hoc per diffondere un senso di sfiducia nell’esecutivo attuale, eventualmente portando in alto chi si trova all’opposizione. Anche in questo caso sono congetture che non trovano fondamento in nessun modo, l’unica cosa che possiamo fare è fidarci totalmente delle misure messe in atto, nella speranza che possiamo uscire presto da questo incubo.

Ricordate sempre di non dare per vera ogni notizia che leggete in rete, verificate sempre le fonti prima di diffonderla a vostra volta.