Facebook

Come ormai saprete, i ricavi pubblicitari presenti sui social network, soprattutto quelli di Facebook, rappresentano quasi la totalità dei guadagni di un’azienda, per il social blu pari a 17.3 miliardi di dollari solo nel terzo trimestre del 2019.

Moltissimi utenti negli ultimi mesi hanno notato la casualità con la quale appare un prodotto sulla piattaforma, subito dopo un loro acquisto in un negozio fisico, segnalando il fatto su altre piattaforme come Twitter e Reddit.

 

Facebook e i segreti della pubblicità secondo Mark Zuckerberg

Non è sicuramente un caso che, subito dopo l’acquisto di un prodotto in un negozio fisico, appaia la pubblicità dello stesso prodotto sulla piattaforma di Menlo Park. Ecco qui che compare il ricchissimo segreto di Mark Zuckerberg, grazie al quale il social network si è letteralmente trasformato nel corso degli ultimi anni, diventando una miniera d’oro.

Nel momento in cui una persona acquista un prodotto, sia online che in un negozio fisico, rilascia alcuni dati sensibili come indirizzo e-mail, nome, cognome, numero di telefono e così via. Una volta che l’utente ha completato l’acquisto, il negozio che chiede a Facebook uno spazio pubblicitario non fa altro che trasmettere a quest’ultimo i dettagli sulle transazioni eseguite. Grazie a queste informazioni, la piattaforma ha buone probabilità di riuscire ad abbinare un prodotto ad un utente interessato.

Un portavoce Facebook ha dichiarato che le informazioni che identificano gli utenti sono convertite dal negozio in un codice, leggibile solamente dagli algoritmi. Secondo il portavoce infatti dovremo stare tranquilli dato che nessun dato personale viene trascritto senza una specie di “crittografia“. Tutti gli utenti possono però negare il consenso, collegandosi al proprio profilo ufficiale, andare su Impostazioni e inserzioni.