smishing poste italianeI clienti di Poste Italiane continuano a subire attacchi da parte di cyber-criminali che creano appositamente email ed SMS fraudolenti in grado di pescare i loro dati sensibili e autorizzare in maniera illecita l’accesso alle carte prepagate e ai conti correnti. In più occasioni, infatti, si sono presentate email che, tramite la falsa giustificazione del blocco improvviso delle carte PostePay, hanno tentato di estorcere denaro alle vittime. Questa volta la truffa circola nascondendosi dietro un SMS smishing.

Smishing: come agisce il tentativo di frode che arriva via SMS!

A differenza del phishing, lo smishing si presenta tramite SMS che arrivano direttamente sui dispositivi degli utenti presi di mira. Il tentativo di frode nonostante ciò agisce come un qualsiasi attacco phishing, infatti riporta una comunicazione falsa e allega al testo un link fraudolento. Quest’ultimo collega gli utenti alla pagina clone utilizzata dai malfattori per carpire i dati sensibili. Infatti, il messaggio diffuso riporta costantemente l’invito ad accedere al sito tramite l’URL fornito per aggiornare i propri dati personali; o inserire informazioni che danno ai malfattori la possibilità di trarre un profitto illecitamente.

Poste Italiane: come si presenta l’SMS smishing che mette a rischio carte prepagate e conti correnti!

L’SMS smishing che sta colpendo i clienti di Poste Italiane arriva esortando le vittime ad aggiornare alcuni dati che, se non verificati, potrebbero comportare il “blocco delle utenze postali”. Infatti, all’interno del messaggio è presente il tipico link da utilizzare per inserire il proprio recapito telefonico; sul quale le vittime riceveranno un ulteriore SMS contenente un codice. Anche quest’ultimo sarà richiesto dai cyber-criminali ma è fondamentale non inserirlo poiché offrirebbe loro la possibilità di accedere al conto online e, quindi, prelevare i risparmi.