canone-rai

Insieme al bollo auto, la seconda imposta più odiata dagli italiani è proprio il Canone Rai. Di fatto, per Legge, i cittadini devono sostenere il costo di tale balzello che arriva insieme al conteggio del pagamento dell’energia elettrica. Tale manovra, avvenuta nel 2016 è stata fatta per contrastare il crescente fenomeno dell’evasione fiscale. Ma sembra che adesso un nuovo problema si stia per affliggere sugli italiani: degli hacker hanno creato una nuova truffa online che consiste in un finto rimborso relativo al costo del Canone Rai. Si tratta palesemente di una frode, e già molti italiani sono cascati nel tranello.

Distinguere una mail originale da un messaggio ingannevole non è sempre facile: i cyber criminali creano nuovi metodi per cercare sempre di svuotare i conti correnti o le carte di debito (o credito) degli utenti. Il meccanismo però risulta essere sempre il medesimo: affidarsi alle mail o agli SMS.

Il finto rimborso del Canone Rai avviene mediante mail di phishing

Si definisce phishing, quella email fraudolenta che ha come scopo quello di ingannare le vittime con un messaggio allarmista e al tempo stesso accattivante. Adesso hanno creato una fake news che vede nel rimborso del canone della Rai, l’oggetto del messaggio.

Attenzione ai dati; si legge scritto infatti nella mail un simile oggetto: “RE: Rimborso RAI -A8005W”.Il messaggio sembra in tutto e per tutto simile ad uno che può provenire dal famoso istituto per il servizio pubblico televisivo, tuttavia la presenza di un link da cliccare (sempre malevolo) distingue la mail di phishing da un messaggio originale.

Il nostro consiglio è quello di non cliccare assolutamente alcun collegamento ipertestuale, ne di rispondere ad una mail. Non fornite mai i vostri dati personali o bancari a nessuno, e qualora trovaste un simile messaggio nel vostro client email, avvisate subito le autorità competenti.