huawe-google-successo-smartphone

Il mercato degli smartphone è sicuramente l’aspetto che più interessa ai più quando si parla di Huawei, ma non è ovviamente l’unico business del colosso. Prima di tutto, prima degli smartphone, c’era solo il mercato delle telecomunicazioni e in questo è un leader in indiscusso, con o senza Google. È proprio questo il punto, la compagnia cinese non ha bisogna della Grande G per avere successo, Samsung verrà comunque battuta.

In un’intervista rilasciata alla CNN, il fondatore di Huawei, Ren Zhengefi, fa chiaramente capire che i problemi che ci sono stati l’anno scorso, ma ancora di più quest’anno, sono ormai il passato. La società è grossa, potente e solida e non ha bisogno di legarsi a una singola compagnia per avere successo. Forse non raggiungerà il primo posto in fatto di vendite di smartphone quest’anno, ma l’obiettivo verrà raggiunto presto.

 

Huawei e Google

Ovviamente Google è un partner comodo, non fondamentale come abbiamo visto con le prime vendite della serie Mate 30, ma comunque utile. Quest’ultimo sta ancora aspettando di ricevere una licenza temporanea da parte del governo degli Stati Uniti per poter tornare a fare affari con Huawei. Un ritardo particolare e voluto visto e considerato che Microsoft, altra società americana, ha già ricevuto tale licenza e infatti ha già ripreso i rapporti commerciale oltre oceano.

Se da un lato avere gli smartphone Huawei senza un supporto di Google per Android risulta essere una penalità, sarebbe interessante vedere le strategie future della compagnia. Ha già dimostrato di essere in grado di farne a meno, ma il consumatore, se proprio deve affidarsi a loro, vuole vedere qualcosa di più, vuole vedere la messa in opera do quel sistema operativo tanto sbandierato in estate.