Gli scienziati che lavorano sul Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA hanno aderito all’iniziativa Breakthrough Listen nella ricerca di intelligence extraterrestre (SETI).

Lanciato ad aprile 2018, TESS è alla caccia di pianeti alieni che circondano le stelle vicine. Ad oggi, il telescopio spaziale ha individuato più di 1.000 “oggetti di interesse” —29 dei quali sono confermati pianeti extrasolari.

È entusiasmante che la ricerca SETI più potente al mondo, con le nostre strutture partner in tutto il mondo, collaborerà con il team TESS e la nostra più potente macchina per la caccia al pianeta“, ha affermato Pete Worden, direttore esecutivo di Breakthrough Initiatives .

Durante la sua missione iniziale di due anni, TESS osserverà quasi tutto il cielo, in cerca di transito, un fenomeno che si verifica quando un pianeta passa davanti alla sua stella, causando un calo della luminosità della stella.

Tali pianeti, secondo Breakthrough Initiatives, sono obiettivi principali per il follow-up di programmi della NASA come il James Webb Space Telescope, il cui lancio è previsto per il 2021.

 

NASA: la ricerca degli scienziati tramite attrezzature potenti

Gli astrobiologi cercano anche “tecnosignature” – indicatori di tecnologia che potrebbero essere stati sviluppati da civiltà avanzate – usando potenti telescopi per cercare segnali da trasmettitori, dispositivi di propulsione o altra ingegneria.

Finora non sono state individuate tecnosignature inequivocabili.

La scoperta da parte della navicella spaziale Kepler della stella di Boyajian – un oggetto con variazioni selvagge e apparentemente casuali nella sua curva luminosa – ha suscitato grande eccitazione e una serie di possibili spiegazioni, di cui le megastrutture erano solo una“, secondo Andrew Siemion, leader di il team scientifico di Breakthrough Listen presso l’Università della California, il SETI Research Center di Berkeley.

La nuova collaborazione ha lo scopo di espandere l’elenco dei target di Breakthrough Listen, perfezionare la sua strategia di analisi e fornire statistiche più significative in caso di non rilevamenti.

Siamo molto entusiasti di entrare a far parte della ricerca di SETI Ascolta SETI“, ha dichiarato il vice direttore scientifico TESS Sara Seager. “Tra tutti gli sforzi degli esopianeti, solo SETI ha la promessa di identificare segni di vita intelligente“.