huawei-hacker-attacchi-informatici-5g
Un milione. Questo è il numero di attacchi informatici che l’azienda cinese Huawei deve affrontare ogni giorno, secondo il vicepresidente John Suffolk. Lo scopo di questi attacchi sarebbe quello di saperne di più sul 5G che il produttore sta sviluppando.

Un mese prima, a settembre 2019, Huawei era pronta a condividere informazioni sul suo 5G, una tecnologia wireless che la società sta sviluppando a pagamento. Ha anche detto che è pronto a condividere la sua tecnologia con gli Stati Uniti, mentre Huawei è entrata nella lista nera a maggio. La società ha già collaborazioni relative a questo 5G con una cinquantina di operatori, in trenta paesi diversi.

Huawei riesce a difendersi in parte

Ma secondo John Suffolk, gli hacker avrebbero cercato di ottenere questa tecnologia con altri mezzi, questa volta illegale. Tentativi di rubare dati riservati si verificherebbero attraverso attacchi e-mail che trasportano virus. In totale, il marchio afferma di contare un milione di attacchi informatici ogni giorno.

La dichiarazione afferma che gli attacchi informatici provengono dall’estero e dall’interno del territorio cinese, pur ammettendo che non conoscono le loro origini precise. L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump è menzionata senza essere direttamente accusata. A settembre, Huawei aveva già accusato gli Stati Uniti di attacchi informatici.

Da parte sua, Donald Trump teme che Huawei svilupperà tecnologie per l’intelligence cinese. Il marchio ha già negato a febbraio la creazione di backdoor nei suoi dispositivi.
La Suffolk non ha attribuito gli attacchi a nessun paese, compresi gli Stati Uniti, e non ha confermato se provenivano da stati nazionali o concorrenti. Ma ha assicurato che difendono quasi tutti gli attacchi, ma alcuni attacchi su sistemi più vecchi passano.

Le implicazioni di ciò non erano chiare. Anche se i media hanno riferito che questi “attacchi informatici hanno incluso un tipo di furto di informazioni riservate inviando un virus informatico via e-mail”.