La nuova versione di Android Auto, la piattaforma pensata da Google come sostegno agli automobilisti, sta ottenendo un notevole successo e feedback positivi dai consumatori.

In questo update, infatti, risulta implementata in maniera sostanziale la usability, rendendo l’interfaccia utente decisamente più ottimizzata e snella. L’organizzazione delle icone risulta più intelligente, creando una porzione superiore in cui è possibile “fissare” le applicazioni di maggior utilizzo.

Nella parte centrale lo scorrimento delle icone è divenuto più fluido per non distrarre eccessivamente il guidatore dal tenere gli occhi sulla strada. Inoltre una porzione inferiore è stata creata appositamente per avere a portata di mano i comandi di riproduzione musicale, nonché per interagire più facilmente (grazie ad alcune icone, di cui una con la campanella e l’altra con il microfono) rispettivamente con le notifiche e con Google Assistant.

Leggi anche:  Elettrico meglio del diesel? Uno studio tedesco rivela una verità inattesa

Ma al netto di questi cambiamenti molto positivi, Big G ha in serbo per gli utenti una spiacevole sorpresa: Android Auto abbandonerà definitivamente i dispositivi mobili.

Addio Android Auto: Google smette di farlo funzionare sui dispositivi mobili

Molti possessori di smartphone hanno già ricevuto questa notifica. Nei prossimi mesi, avverrà un graduale switch off dell’applicazione, il che porterà a dover fare a meno della piattaforma anche sui phablet oltre che sui telefoni.

Questo annuncio ha creato un po’ di disagio negli utenti, perché un sistema di integrazione fra smartphone e automobile si rivelava molto utile. Al tempo stesso “confinare” la piattaforma esclusivamente sul mezzo di trasporto consentirà di migliorarne le caratteristiche peculiarmente per questo specifico utilizzo.