egitto

L’Egitto è l’attrazione principale di numerosi archeologi, ricercatori e turisti perché la sua importante storia ha reso il Paese affascinante e irresistibile; nonostante siano passati molti anni, i ricercatori continuano a condurre sempre nuovi studi e analisi per fare luce su numerosi segreti ancora oggi celati.

Sono, inoltre, tantissimi i turisti che provengono da tutto il mondo per osservare e studiare la famosa Grande Piramide; meglio conosciuta come la Piramide di Cheope, una delle sette meraviglie del mondo, è una delle principali attrazioni più studiate.

Nuove ricerche svelano delle grandiose novità sulla storia d’Egitto

La Piramide di Cheope è la più grande fra le tre Piramidi che compongono la necropoli di Giza; da tempo ormai i ricercatori cercano di studiare la loro importante forma architettonica perché ancora oggi ci sono delle perplessità a riguardo.

I ricercatori cercano ancora oggi di capire come il popolo egizio sia riuscito a costruire delle strutture così solide e alte vista la poca reperibilità dei materiali; fortunatamente, le analisi condotte su delle travi di legno scoperte nel 1954 da alcuni archeologi egiziani hanno dato alla luce dei importanti risultati.

Leggi anche:  Egitto: ecco le ultime notizie e verità sulla Piramide di Giza

A quanto pare, queste travi di legno facevano parte di una nave cerimoniale che all’epoca il Faraone Khufu fece costruire per il trasporto di merci; secondo diverse supposizioni, pare che il popolo egizio riuscì così a procurarsi i materiali necessari e di alta qualità per costruire le Piramidi.

Il supervisore di questo progetto, Essa Zidan, commenta: “questi risultati mostrano una scoperta notevole non solo per l’Egitto ma per tutto il mondo perché ricercatori e archeologi hanno la possibilità di avere una visione unica delle navi di quei tempi”.