cina-ban- boeing

Ancora problemi per Boeing che è nel mirino della FAA e di tutte le compagnie aeree partner. Pesanti critiche vengono mosse da molti mesi a questa parte nei confronti del colosso americano, colpevole di aver causato attraverso un modello di velivolo difettoso ben 2 incidenti che hanno portato la morte a 346 persone.

E non solo: si parla anche del terzo incidente – senza vittime – avvenuto in Florida lo scorso Aprile. Nel corso dei mesi dopo i test effettuati sulle scatole nere e dalle indagini delle autorità competenti sono emerse numerose problematicità.

Dal lotto di lamelle alari uscite difettose dalla fabbrica, all’allarme del sistema anti-stallo stato disattivato nella cabina dei piloti, all’ultimo sconvolgente problema di cui ci si è accorti soltanto adesso.

Boeing insieme alla FAA, ha scovato un nuovo difetto. Si parla di un microprocessore e il relativo software difettoso che avrebbe reso impossibile il controllo dell’aeromobile da parte del pilota. Non soltanto il sistema anti-stallo quindi come agente causale degli incidenti.

Sembra che le due tragedie avvenute nei cieli in Indonesia e in Etiopia, abbiano causato il fermo dell’aereo e la sospensione della produzione.

Leggi anche:  Boeing 737 Max: le ultime novità sull'aereo che ha provocato due incidenti

Boeing nell’occhio del ciclone

Questa scoperta potrebbe essere l’ennesima batosta ai danni di un’azienda che sta affrontando la più grossa crisi finanziaria dal 2001. Si era ipotizzato un ritorno nel mercato in breve tempo per il velivolo 737 Max 8, colpevole degli incidenti passati.

Le compagnie partner ormai disperate, stanno guardando verso altri orizzonti, di fatto le vendite di Airbus con il suo A320Neo stanno monopolizzando il mercato in questa delicata fase del mercato degli aeromobili mondiali.

Al Salone dell’aeromobile di Parigi, la IAG aveva dichiarato di aver ordinato più di 200 Boeing 737. Sembra proprio che però quest’ordine debba essere messo nuovamente in stan-by per effettuare i relativi controlli di sicurezza.

Per il CEO dell’azienda, Denis Muileberg, riconquistare la fiducia degli utenti e delle compagnie partner di Boeing è la priorità assoluta e ha dichiarato che la nuova politica aziendale si fonderà sulla trasparenza e sulla sicurezza degli utenti e del personale di volo.