google-huawei-trump-android-smartphone
Il mese scorso, Google ha revocato la licenza di Huawei per utilizzare il suo sistema operativo mobile Android. Questo dopo che il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha elencato Huawei Technologies nella lista che include società che rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale.

Successivamente, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha fornito una finestra di 90 giorni prima che il divieto entri in vigore. Nel frattempo, la società ha confermato che gli utenti esistenti degli smartphone Huawei continueranno a ricevere aggiornamenti.

Google rischia di perdere un numero enorme di utenti

Tuttavia, non sembra che la situazione per Huawei possa migliorare in tempi brevi e la società ha anche rivelato che il divieto colpirà le entrate di Huawei di $ 30 mil iardi. Però,
la società sta lavorando sul proprio sistema operativo mobile – HongMeng OS (Oak OS).

In un’intervista con CNBC, Ren Zhengfei, fondatore e CEO di Huawei, ha affermato che Google perderà 700-800 milioni di utenti se Huawei abbandona Android. Ha aggiunto che la società non vuole affatto sostituire il sistema di Google perché rallenterà la crescita. Se si dovesse arrivare a quel punto, però, Huawei ha il proprio sistema per sostituire e tornerà alla crescita. HongMeng OS o Oak OS è tutto pronto per essere rilasciato entro la fine di settembre o ottobre e si concentrerà inizialmente sui dispositivi di fascia media, come da report.

È stato condotto un test di recente sul sistema operativo mobile di Huawei. A quanto pare, il sistema operativo HongMeng è circa il 60 percento più veloce di Android. Ci sono rapporti che affermano che Huawei è in trattativa con il sistema operativo Sailfish e il sistema operativo russo Avrora come possibile sostituto per Android.

Il sistema operativo HongMeng di Huawei è compatibile con tutte le app Android e può anche essere ricompilato per migliorare le prestazioni, come Chrome OS. Se Huawei  convince altri produttori di smartphone cinesi a utilizzare il suo sistema operativo, potrebbe rappresentare una grande minaccia per il monopolio di Google.