Sarà capitato a tutti almeno una volta di sentire il proprio smartphone, tablet o notebook surriscaldarsi; si tratta di un fenomeno molto frequente, soprattutto in quelle giornate più calde e nella stagione estiva. I motivi per cui uno smartphone o tablet si surriscalda possono essere innumerevoli, ma quelli più frequenti sono:

  • Perché si trova sotto in spiaggia e quindi sotto il sole;
  • Perché è stato poggiato su una superficie piuttosto calda;
  • Perché ci sono applicazioni troppo pesanti in funzione.

Smartphone: ecco perché si surriscaldano

Soprattutto nelle stagioni calde, capita spesso che il proprio smartphone o tablet si surriscaldi velocemente; la principale causa è quella delle temperature esterne troppo elevate. Nel momento in cui si surriscaldano, possono smettere di funzionare e bloccarsi o addirittura si spengono completamente per un principio di sicurezza inserito dai produttori per evitare ulteriori danni alla batteria; capita lo stesso, se lasciato in un posto caldo come per esempio in macchina o poggiato su una superficie calda.

Leggi anche:  Android: come cambiare i DNS e nascondere le nostre tracce

Può anche capitare che il proprio smartphone o tablet si surriscaldi mentre è in funzione, per esempio quando si sta guardando video in streaming da circa 10 minuti; in questo caso, è colpa delle applicazioni in uso che sono troppo pesanti ed esigenti in fatto di CPU e di RAM.

Cosa fare quando il proprio smartphone surriscalda

Quando si percepisce il surriscaldamento di uno smartphone o tablet, si consiglia di:

  • Chiudere qualsiasi applicazione in uso;
  • Spegnere il dispositivo mobile così da farlo riposare;
  • Ripararlo dal sole e tenerlo in un luogo fresco.